The words you are searching are inside this book. To get more targeted content, please make full-text search by clicking here.

Libro LID LE INSIDIE DEL XXI SECOLO Prime 16 pagine

Discover the best professional documents and content resources in AnyFlip Document Base.
Search
Published by Editoriale Delfino, 2021-05-18 07:51:52

Libro LID LE INSIDIE DEL XXI SECOLO

Libro LID LE INSIDIE DEL XXI SECOLO Prime 16 pagine

Giuliano Bressa Nataliya Kovalenko

Editoriale Delfino



Giuliano Bressa Nataliya Kovalenko

L E INSIDIE
DEL XXI
SECOLO
Come proteggersi

Editoriale Delfino

© 2021
Tutti i diritti riservati
Editoriale Delfino Srl
Via Aurelio Saffi, 9 - 20123 Milano
www.editorialedelfino.it
Codice ISBN: 978-88-31221-45-0
Prima edizione 2021

Grafica:
Nicola Trazzi
Matteo Ferriani

Revisione del testo:
Teodora Liscio
Maria Zambello

Stampa:
Mediagraf SpA - Noventa Padovana (PD)

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con
Sistemi elettronici, meccanici o altro senza l’autorizzazione
scritta dell’Editore.
Gran parte delle foto ed immagini contenute in questo libro
provengono dall’archivio di 123RF.
La casa editrice ha ottenuto le relative autorizzazioni
alla pubblicazione dagli aventi diritto. Nel caso di
irreperibilità di questi ultimi, si resta comunque a
disposizione per regolare eventuali spettanze.
Le tabelle e le citazioni sono tratte dai testi presenti nella bibliografia.

In alcune condizioni i consigli dispensati in
questo libro possono differire da quelli della scienza
medica. Lo scopo della pubblicazione è quello
di fornire informazioni e presentare alternative,
oggi disponibili, che aiutino il lettore a valutare e
decidere, in modo responsabile, riguardo alla propria
salute e, in caso di malattia, a stabilire un dialogo
con il proprio medico o specialista. In nessun caso
tali contenuti possono sostituire il rapporto diretto
medico-paziente o la visita specialistica.

Indice

PRESENTAZIONE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
INTRODUZIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
I PROCESSI ENERGETICI DELLA VITA . . . . . . . . . . . . . . 16

L’energia biologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

Il campo della vita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Gli stati energetici: yin e yang . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

I corpi sottili dell’essere umano. . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

I Chakras . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Le ghiandole endocrine. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

Lo squilibrio energetico corporeo . . . . . . . . . . . . . . . . . 33

Gli agenti stressogeni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Gli effetti dello stress. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
La paura psicologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
L’angoscia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
La tossicità emotiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
Gli stressori ambientali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Gli stressori psicologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49

Il sistema immunitario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51

Il sistema immunitario come bersaglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
Gli inquinanti ambientali immunotossici . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
L’integrità del sistema immunitario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63

L’INQUINAMENTO DI ORIGINE FISICA . . . . . . . . . . . . . 64

Le radiazioni non ionizzanti (NIR) . . . . . . . . . . . . . . . . 72

Classificazione delle NIR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
Gli effetti biologici delle NIR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
Le radiofrequenze (RF) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
I rischi all’interno degli edifici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
Come proteggersi dalle radiazioni elettromagnetiche . . . . . . . . . . . . 86
I limiti di esposizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88

Le radiazioni ionizzanti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89

Gli effetti biologici delle radiazioni ionizzanti . . . . . . . . . . . . . . . 95
Il radon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
Le principali sorgenti di radon. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
Effetti tossici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Tecniche di misura e di bonifica del radon . . . . . . . . . . . . . . . . . 108

L’INQUINAMENTO DI ORIGINE CHIMICA . . . . . . . . . . . . 110

Cos’è il cancro? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Altre sindromi associate all’inquinamento . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Soluzioni all’inquinamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115

L’inquinamento dell’aria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116

L’organo bersaglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119

L’ONU ha lanciato recentemente un nuovo avvertimento
circa la catastrofe ambientale incombente che minaccia
il pianeta nel deterioramento ecologico.

Il materiale particolato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
La composizione chimica del particolato . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
Effetti tossici del particolato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
I metalli tossici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Gli ossidi di azoto (NOx) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
L’ ozono (O3) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
L’anidride solforosa (SO2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
L’ossido di carbonio (CO) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
Gli idrocarburi aromatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
Gli idrocarburi policiclici aromatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
L’inquinamento indoor di origine chimica . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
Il fumo passivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
I composti organici volatili (VOC) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148

L’inquinamento dell’acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153

La potabilizzazione dell’acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155

La contaminazione chimica degli alimenti . . . . . . . . . . . . . 159

Residui di pesticidi negli alimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
Classificazione dei pesticidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
I rischi connessi ai residui negli alimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
Contaminazione alimentare da metalli pesanti . . . . . . . . . . . . . . . 174
L’alluminio (Al) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
L’arsenico (As) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
Il cadmio (Cd) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
Il mercurio (Hg) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
Il piombo (Pb) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
Altri metalli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
Contaminazione da composti chimici organici . . . . . . . . . . . . . . . 198
I policlorodifenili (PCB) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
La diossina (TCDD) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
Cessione da materiali di imballaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206

Le allergie e le intolleranze alimentari . . . . . . . . . . . . . . . 212

L’ipersensibilità individuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
Le intolleranze alimentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
Protezione e prevenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) . . . . . . . . . . 223

L’INQUINAMENTO DI ORIGINE BIOLOGICA . . . . . . . . . . . 232

Le epidemie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
L’infezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
Trasmissibilità delle infezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
Infezioni sistemiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240

L’inquinamento biologico in ambienti chiusi (Indoor) . . . . . . . . 242
I virus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247

Classificazione dei virus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
Modalità di trasmissione dei virus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
Vaccini antivirali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252

I batteri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255

Classificazione dei batteri. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256

I batteri patogeni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
Le tossine batteriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261

Le tossinfezioni alimentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264

Vaccini antibatterici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268

I funghi opportunisti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269

Candida albicans . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
Le micotossine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
Biologia ed ecologia dei funghi tossigeni . . . . . . . . . . . . . . . . . 278

I parassiti biologici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280

Classificazione dei parassiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
Azione patogena dei parassiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
I parassiti dell’uomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283

COME IL CORPO E LA MENTE POSSONO DIFENDERSI . . . . . . 298

Il potere energetico degli alimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304
Gli alimenti essenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
Il regime alimentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
La radiovitalità degli alimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313

Il ruolo dell’acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318

L’energia vitale dell’acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
La memoria dell’acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
Le proprietà terapeutiche dell’acqua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327

Le vitamine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330

La funzione delle vitamine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331

Gli elementi essenziali per la vita . . . . . . . . . . . . . . . . . 340

Gli oligoelementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
Azione fisiologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352

La detossificazione del corpo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379

Il sistema linfatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 380
Il ruolo dell’acqua nel processo di detossificazione . . . . . . . . . . . . . 384
La detossificazione emotiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387

I flavonoidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 389
Gli oli essenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 409

Proprietà ed utilizzo degli oli essenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410

Gli agenti fitoterapici antiparassitari . . . . . . . . . . . . . . . 414
Il rafforzamento del sistema immunitario . . . . . . . . . . . . . 423
Rafforzamento psico-emotivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 437

Guarigione quantica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
La meditazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 443
La visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
La preghiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 453

BIBLIOGRAFIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 460



Presentazione 9

Quando Giuliano Bressa mi ha comunicato che
avrebbe scritto un libro sui temi dell’inquinamento,
dell’ecologia, della difesa della natura dall’inquinamento
chimico e dalle onde elettromagnetiche, dei mezzi per
difenderci da queste insidie e così via, gli ho risposto:
“per trattare tutti questi temi non ti basteranno 500
pagine. Auguri comunque!” Dopo qualche mese mi ha
richiamato ed allegramente mi ha detto: “ho terminato
il libro, in meno di 500 pagine!”

Ebbene Giuliano con la collaborazione della
Dr.ssa Nataliya Kovalenko è riuscito, mirabilmente a
condensare tutta la letteratura scientifica necessaria
per spiegare i temi trattati, ma fornisce una infinità
di teorie e concetti - molto delicati e scottanti - che,
molto spesso, sono considerati troppo alternativi ed
accademicamente controversi.

Mi ha pertanto richiesto di scrivergli la presentazione
ed io ho accettato con enorme piacere. Giuliano, infatti,
è un mio caro amico ed io apprezzo moltissimo i temi
relative alla “ecologia del corpo e della mente” che,
personalmente, ho cercato sempre di tradurre in punti
fermi e colonne portanti della mia carriera professionale.

Mi sono sempre chiesto, per esempio, come
intervenire sulle fonti “invisibili” dell’inquinamento
ambientale, che avrebbero potuto nuocere all’uomo e
agli animali e, soprattutto, come riconoscerle.

Per vivere in armonia con l’ambiente, occorre creare
un legame “affettivo”, benefico e positivo, ovvero

“Una nuova rinascita è possibile, se abbiamo il coraggio di tornare alle radici di
una storia che è solo nostra, e ci riappropriamo dei valori e della verità”.
(San Giovanni Paolo II).

rapportarci con il “genius loci”, l’energia, i materiali, ed
i suoni. Essi sono parte della nostra identità, creano
piacere e serenità un rifugio nel quale poterci specchiare,
purificare e rigenerare.

É nelle nostre abitazioni, che, ogni giorno, dovremmo
ricreare quell’equilibrio psicofisico e necessario ad
affrontare più consapevolmente e tranquillamente la
vita. Gli interrogativi sono tanti, così come è vasta la
scelta dei rimedi per trovare soluzioni ecosostenibili.
Giuliano e Nataliya hanno scritto osservazioni molto
importanti in un linguaggio semplice, alla portata di
tutti, affinché la consapevolezza che un mondo nuovo e
nuovi modi di viverlo è oggi alla nostra portata.

Le Insidie del XXI Secolo - Come proteggersi.
Come proteggerci quindi? Facilissimo, per primo
passare attraverso una vera conoscenza di questo mondo
e delle sue leggi naturali e sacre; mondo che deve essere,
ogni giorno, riscoperto ed amato. Un’attenta lettura di
questo libro, quindi, vi darà tutti gli strumenti necessari
per poter capire le insidie del XXI secolo ed essere in
grado, da soli, di proteggervi e, così, aiutare il nostro
pianeta ad evolversi, attivando un inarrestabile processo
di rinnovamento culturale ed umano.

Buona lettura a tutti
Claudio Viacava

10

Introduzione

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità
(OMS), se noi continuiamo ad inquinare il nostro
ambiente, il mondo sarà irreversibilmente danneggiato
entro 50 anni e la vita sarà difficilmente sostenibile. Basti
pensare che in un anno una persona in media inala due
grammi di inquinanti tossici sottoforma di particelle
aereodisperse, assume circa 6 kg di additivi alimentari
e circa 5 litri di pesticidi mediante il consumo di frutta
e verdura. Introduce inoltre nel proprio organismo
nitrati, residui di ormoni ed antibiotici sia attraverso
l’acqua che gli alimenti.

E sebbene l’organismo umano sia dotato di

11

meccanismi adibiti alla disintossicazione, in certe
condizioni di sovraccarico tali meccanismi non sono in
grado di svolgere un’adeguata azione depuratrice, per
cui le sostanze estranee si accumulano nei nostri tessuti
ed organi, dando luogo a fenomeni di intossicazione. Ad
esempio il piombo si accumula nelle ossa sostituendosi
al calcio e, in particolari condizioni quali la gravidanza
o periodi di denutrizione, si libera provocando gravi
lesioni irreversibili al sistema nervoso centrale (SNC).

Gran parte degli effetti attribuibili all’inquinamento
dell’ambiente sono generalmente di tipo “cronico”,
cioè cumulativi, e non sempre si manifestano
immediatamente dopo l’esposizione. Il più delle volte
è difficile mettere in relazione l’insorgenza di una
malattia con l’esposizione ad una determinata sostanza
chimica. Con certezza sappiamo che l’esposizione
al piombo e all’alluminio causa un evidente declino
nelle performances mentali e comportamentali, in
particolar modo nei bambini. Così pure è risaputo che
la presenza di nitrati e nitriti nell’acqua potabile e negli
alimenti comporta un rischio maggiore di contrarre
certe forme di cancro all’apparato digerente. Inoltre la
presenza di radicali liberi, anidride solforosa (SO2),
ossidi d’azoto (NOx), nell’aria che respiriamo, uniti a
carenza in nutrienti antiossidanti come le vitamine
C ed E, indeboliscono significativamente il nostro
sistema immunitario. Ciò favorisce l’insorgenza di gravi
patologie e la proliferazione di cellule cancerogene, le
quali, diffondendosi nell’organismo lungo la corrente
sanguigna o attreverso il sistema linfatico, trasferiscono
cellule tumorali in vari organi del corpo. Questo
fenomeno viene chiamato in medicina “metastasi”. Essa

12

provoca la sua crescita rapida all’interno dei tessuti
distruggendoli, portando inesorabilmente alla morte
dell’individuo.

Esistono poi anche altre sindromi associate
all’inquinamento che, pur non essendo invasive come
il cancro, sono ugualmente insidiose. Basti pensare
al Covid-19, in cui pur essendo state impiegate grandi
energie, l’umanità continua a patire ed è continuamente
esposta al rischio di contagi.

Sarebbe di giovamento ritenere che malattie,
vecchiaia e morte premature, sono il risultato di
veleni accumulati nel corpo, i quali si depositano nelle
articolazioni, nei muscoli e negli organi impedendo
il loro funzionamento. Escrescenze e gonfiori in varie
parti del corpo sono determinati dal deposito di
residui accumulati nel nostro organismo, specie per le
ghiandole linfatiche, ma anche per il fegato, il pancreas
e l’intestino. Secondo l’antroposofico Rudolf Steiner
batteri e bacilli non sono la causa delle nostre malattie
perché l’uomo non sarà mai in grado di produrre
un “veleno” capace di uccidere questi germi senza
distruggere sé stesso. I microganismi proliferano solo
se hanno le opportunità di crescere e divenir preda di
qualche processo patologico. Quindi è da ritenere che
i bacilli non sono la causa ma i segni della malattia
indotta più delle volte da uno stile di vita irragionevole.

I fatti allarmanti che viviamo in questo periodo
rappresentano solo l’apice dell’iceberg. Altre malattie,
che sono state in qualche modo associate ad un elevato
tasso di inquinamento ambientale, includono tutte
le forme di artrite, allergie, infezioni dell’apparato
respiratorio, ipertensione, asma, eczema e schizofrenia.

13

Sintomi “minori”, associati all’esposizione ad inquinanti,
includono apatia, sonnolenza, variazioni dell’umore,
scarsa concentrazione, cefalea, nausea, frequenti
infezioni ed allergie multiple. Tali sintomi si possono
pure manifestare per altre ragioni, come malattie
specifiche, o per carenze in alcuni nutrienti essenziali.
Inoltre molti inquinanti possono svolgere un’azione
anti-nutriente, cioè essi esercitano il loro danno
interferendo con l’assorbimento e l’utilizzazione di
nutrienti o promovuendo la loro escrezione. Il piombo,
ad esempio, interferisce con il metabolismo del calcio e
dello zinco. Molti dei sintomi di carenza di questi due
elementi sono dovuti alla presenza di tassi elevati di
piombo nel sangue.

Cosa fare allora per proteggersi dall’inquinamento?
Ovviamente quando è possibile, allontanrsi e ridurre
il contatto con gli agenti nocivi che minano la nostra
salute. Questo comportamento costituisce chiaramente
la migliore strategia per prevenire eventuali patologie.
Prevenzione infatti significa ridurre drasticamente
l’esposizione alle sostanze tossiche, cancerogene, a
microrganismi patogeni presenti nell’ambiente.

Un valido metodo di prevenzione consiste inoltre nel
disporre di informazioni corrette che ci permettano di
orientare le nostre scelte in particolar modo nei riguardi
dell’alimentazione al fine di salvaguardare la nostra
salute.

In ogni caso, per non soffrire di “paranoia acuta da
inquinamento” dobbiamo renderci conto che non è
possibile evitare tutte le sostanze tossiche con cui in
qualche modo veniamo a contatto. Queste sono sempre
esistite nell’ambiente, basti pensare all’elevato numero

14

di piante e di animali velenosi presenti in natura. Il
meglio che noi possiamo fare è quello di minimizzare
la nostra esposizione globale, assumendo certe sostanze
che ostacolano la diffusione nel nostro organismo.
L’assorbimento del rame, ad esempio, è ridotto dalla
presenza di zinco negli alimenti. Un altro caso è quello
dei nitrati i quali, una volta ingeriti, si trasformano
meno facilmente in nitrosamine, composti cancerogeni,
quando vi è presenza di vitamina C.

Un’altra modalità per difenderci da tutti gli agenti
nocivi èquelladi aumentare i nostri naturali meccanismi
di difesa mediante una dieta adeguata e l’assunzione
di supplementi e di integratori alimentari. È noto
che i meccanismi di disintossicazione dell’organismo
vengono potenziati da un’adeguata assunzione di
nutrienti essenziali, che includono vitamine, minerali,
particolari acidi grassi e proteine.

Tuttavia non va dimenticato che ad una sana dieta
si devono associare esercizi fisici adeguati, da praticarsi
all’aria aperta, al sole che, attraverso la sua luce,
ci fornisce quell’energia di cui il nostro organismo
necessita per le proprie funzioni biologiche.

Nella prima parte di questo libro vengono esaminate
le problematiche inerenti alla tipologia di inquinanti
presenti nell’aria che, ai principali contaminanti
dell’acqua, alle radiazioni elettromagnetiche a cui
siamo esposti e i rischi per la salute dovuti alla presenza
di sostanze nocivenegli alimenti. Nella seconda parte
del libro, vengono invece suggerite misure atte a
detossificare l’organismo e a potenziare le nostre difese
immunitarie per vivere il più possibile sani anche in un
ambiente insalubre.

15

Capitolo 1

processi
energetici

I della vita

I processi energetici della vita

Nell’organismo umano, come pure in tutti gli esseri La molecola del
viventi, ci sono fenomeni energetici, in parte non DNA, base del
ancora del tutto compresi, dovuti ad una particolare sistema genetico.
forma di energia, definita “energia vitale o bioelettrica”,
che si distribuisce nei diversi livelli di organizzazione
biologica. Dal DNA all’atomo, dall’atomo alla cellula,
dalla cellula all’organo o al tessuto, per giungere, infine,
ai corpi fisici nella loro totalità, siamo di fronte a diversi
livelli di organizzazione della vita. A ciascuno di questi
corrisponde uno stato energetico, un’informazione, un
ordine topologico.

Tra tutti gli elementi di un sistema - atomi, cellule
di un tessuto, organi - l’informazione circola, sebbene
non siano ancora completamente definiti i meccanismi
coinvolti. All’interno di un medesimo livello di
organizzazione, invece, risulta relativamente facile
individuare come si trasmettono l’informazione e
l’energia, principalmente per differenza di potenziale
e mediante i neurotrasmettitori. D’altro canto, tutte le
forme di vita identiche, isomorfe, contengono le stesse
informazioni energetiche ed ogni modificazione di una
sarà trasmessa alle altre. Pertanto le forme assunte dagli
oggetti o dagli esseri viventi rendono conto del sistema
di forze che ha contribuito a crearle. Il fatto che alcune
forme specifiche si ritrovino ad ogni livello della realtà,
ha un grande significato. La spirale ne è un esempio
affascinante, poiché la sua forma evoca l’evoluzione
o lo sviluppo armonioso di un sistema di forze, di un
determinato stato. Lo si può trovare in numerose
strutture naturali animali (chiocciole, conchiglie, ecc.)
e vegetali (diatomee, vite, ecc.). Quindi, dall’elettrone
alle molecole con struttura elicoidale (DNA, proteine),

Il corpo fisico non è ciò che appare alla visione
umana. È l’effetto di campi elettromagnetici, che
rappresentano la manifestazione dei corpi energetici.

17


Click to View FlipBook Version
Previous Book
CAMERON HIGHLAND
Next Book
JAWAPAN BUKU TEKS GEO TING 3