The words you are searching are inside this book. To get more targeted content, please make full-text search by clicking here.
Discover the best professional documents and content resources in AnyFlip Document Base.
Search
Published by robypost, 2018-12-13 14:28:40

30Giorni numero di Novembre 2018

30Giorni numero di Novembre 2018

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale 70% - Lo/Mi 30N.10 GIORNI

IL MENSILE DEL MEDICO VETERINARIO

Veterinarians are
everywhere!

ORGANO UFFICIALE DI INFORMAZIONE VETERINARIA di FNOVI ed ENPAV - Anno XI - Anno XI - N.10 - Novembre 2018

2

Editoriale

Tra Laocoonte
e Churchill

Durante queste giornate,
diverse per scopi ma
accomunate da presenze
italiane costanti, il volto
istituzionale e quello
professionale dell’Europa era
quello dei nostri Colleghi e
parlava una lingua sola: quella
della Medicina Veterinaria

Mentre è in atto il più aspro scontro che la questione con maggiore impegno. Non lo stiamo E non ho potuto evitare di pensare al celebre
facendo abbastanza e non ci dobbiamo nascondere Laocoonte, alla sua fatica impossibile di scio-
il nostro Paese abbia mai avuto con la Ue, la nostra dietro l’Europa cattiva. Prevenire le infezioni e le gliersi dai vincoli, ascoltando l’assemblea a pro-
professione ha dato vita alla più memorabile delle resistenze nel paziente animale è un dovere pro- posito di Brexit. Liberarsi dai vincoli europei è
settimane europee. In contemporanea, la DgSante fessionale, che da solo basta a derubricare l’assur- uno sforzo fatale che imprigiona più di prima.
e la Fve hanno traslocato in Italia per incontrare dità che ‘non ci riguarda’. La Fnovi proporrà un La Veterinaria britannica non ne voleva sapere di
la Veterinaria nazionale. Durante queste giornate, adeguamento del Codice Deontologico inserendo il uscire dalla UE, ma nei referendum a prevalere
diverse per scopi ma accomunate da presenze ita- tema dell’antimicrobico-resistenza non appena si non è chi ha ragione ma chi ha maggioranza dei
liane costanti, il volto istituzionale e quello profes- sarà concluso l’aggiornamento del Code Fve. consensi. E lo stesso vale per le elezioni e per le
sionale dell’Europa era quello dei nostri Colleghi Certo stiamo facendo molto, la DgSante l’ha rico- leggi. La democrazia è il regno della quantità, per
e parlava una lingua sola: quella della Medicina nosciuto, ma questo “molto” deve ancora comin- Winston Churchill “la peggior forma di governo,
Veterinaria. Come non sentirsi Medici Veterinari ciare. Ricetta elettronica, classyfarm, piani e linee eccezion fatta per tutte quelle altre forme che si
Europei? Come non comprendere la filologica pa- guida: tutto bene, purché si cominci e lo si faccia sono sperimentate finora”. E, ai tempi di Chur-
rentela professionale tra le Veterinarie nazionali? (per parafrasare una settimana di visite diffuse da chill, non c’era ancora l’Unione Europea.
Abbiamo di fronte a noi le stesse incognite e le parte dei Colleghi della DgSante). Alla concomi- Fnovi è con Fve per non lasciare nessuno fuori dal-
stesse opportunità, somigliantissime fra loro, come tante assemblea della Fve, guardando negli occhi e la Veterinaria Europea. Le attività scientifiche e
certe parole che cambiano da Paese a Paese, ma- stringendo le mani di Colleghi da ogni parte d’Eu- mediche devono crescere e progredire, devono “sa-
gari solo per una lettera, ma significano la stessa ropa (Russia compresa, perché Europa e Ue non pere in che modo seguitare a sapere”. E non posso-
cosa. Confrontarsi sulla questione degli antibiotici sono la stessa cosa) sono risultati evidenti i bene- no che farlo insieme.
(ecco una parola che non necessita di traduzione) é fici dell’aprirsi, di allargare la visione asfittica che
stato utile a maturare una consapevolezza nuova: sta soffocando la professione italiana. Gaetano Penocchio
noi Medici Veterinari italiani dobbiamo affrontare Presidente FNOVI

3

30N.10 GIORNI
Sommario

3 L’EDITORIALE 5 LA VOCE Un errore la proposta
— DELLA di legge che vuole
Tra Laocoonte cancellare il numero
e Churchill PROFESSIONE programmato

— A ddio al numero programmato per diversi
Fact finding:
una missione corsi di laurea tra cui anche quelli di Medicina Vete-
per l’uso prudente rinaria? Potrebbe accadere se venisse approvata, tra
degli antibiotici le altre, la proposta di legge del Consiglio Regiona-
le Veneto con cui si prevede l’abrogazione della legge
6 L’OCCHIO 10 INTERVISTA 264/1999. I 13 Corsi di Laurea hanno in realtà prodotto
7 DEL GATTO — un numero rilevante di medici veterinari (uno su sei in
Tuteliamo i diritti Europa) e molti di questi sono costretti ad emigrare in
— degli animali altri Paesi per svolgere la professione. La categoria si
Un’alleanza per aumentare schiera quindi contro questo eventuale provvedimento.
aIN&OUT cura della REDAZIONE “La scelta del numero programmato deriva in generale
8 la disponibilità di dalla necessità di garantire un buon livello di prepara-
medicinali e vaccini per i zione, che non fa rima con la limitatezza dei mezzi di-
sponibili, lavorando con numeri ‘ragionevoli’ e garan-
9 pesci tendo così standard professionali efficaci e assicurando
_ formazione di qualità ai laureati”, dicono i veterinari.
I risultati dell’indagine “Non siamo in grado di sostenere l’impatto conseguen-
FVE sulla PMSG te all’eventuale eliminazione del numero programma-
_ to”, spiega lo stesso Presidente del Crui (Conferenza
Il cambiamento e gli dei rettori italiani) Gaetano Manfredi. La proposta di
orizzonti legge è intanto all'esame della VII Commissione Cul-
della professione tura della Camera, insieme ad altre tre finalizzate alla
_ revisione dell'acceso ai corsi di laurea a numero pro-
Un giorno grammato.
di straordinaria sinergia

12 PREVIDENZA
13 —

60 anni di Enpav:
“Una volta qui
era tutta campagna”

Tre progetti veterinari premiati
per la capacità d’innovazione

"C lometro zero, facilmente adottabile, per la sosteni-
apaci di coniugare tradizione e bilità dell’allevamento delle capre in realtà di minori
innovazione sempre in ottica One Health”, è questa dimensioni. Vincitore della sezione “Cura degli ani-
in sostanza la motivazione che ha indotto la giuria mali da compagnia”, il medico veterinario neolaure-
del concorso lanciato da Msd Animal Health a pre- ato Matteo Zanfabro con il progetto didattico e cli-
miare tre progetti predisposti al fine di armonizzare nico “3D veterinary printing”, destinato a migliorare
la salute dell’uomo e quella animale. La cerimonia si la cura degli animali che devono essere operati con
è svolta nel mese di novembre a Parma e sul podio le nuove tecnologie. Infine Miriam D’Ovidio al primo
sono saliti: Gilberto Mancin, medico veterinario di posto per “Salute di tutti” con il progetto “Arcabim-
Novara, primo nella categoria “Allevamento soste- bivet, il piccolo veterinario”, iniziativa di formazione
nibile” con un modello di fiera mangimistica a chi- per i più piccoli ideato per colmare le lacune di chi
si occupa di animali da compagnia senza possedere
conoscenze adeguate nel rapporto con uomo-pet.

Mensile di informazione e attualità Direttore Responsabile Progetto grafico Registrazione Tribunale n. 580
professionale per i Medici Veterinari Gaetano Penocchio Segni e Suoni Srl del 21 dicembre 2007

Organo ufficiale della Federazione Vice Direttore Pubblicità Responsabile trattamento dati
Nazionale degli Ordini Veterinari Italiani Gianni Mancuso Segni e Suoni Srl (D. Lvo n. 196/2003)
Fnovi e dell’Ente Nazionale di Previdenza Tel. 071 7570901 Gaetano Penocchio
e Assistenza Veterinari - Enpav Comitato di Redazione [email protected]
Alessandro Arrighi, Carla Bernasconi, Tiratura 30.840 copie
Editore Antonio Limone, Laurenzo Mignani, Tipografia e stampa
Veterinari Editori S.r.l. Francesco Sardu, Elio Bossi Press Point srl - Via Cagnola, 35 Chiuso in stampa il 30/11/2018
20081 Abbiategrasso (Milano) e-mail [email protected]
4via del Tritone, 125 - 00187 Roma Coordinamento redazionale web www.trentagiorni.it
Segni e Suoni Srl
Tel. +39 06 99588122

La voce della professione

a cura di GIACOMO TOLASI, Medico veterinario libero professionista

Fact finding: una missione
per l’uso prudente
degli antibiotici

Il progetto consiste in una serie di visite
negli Stati Membri dell’Unione Europea per
raccogliere informazioni adeguate sulle modalità
di utilizzo di questi farmaci.
Tra gli argomenti affrontati il controllo
delle prescrizioni e dei trattamenti, le terapie
ai vitelli e la formazione degli allevatori

Ho avuto l’opportunità di partecipare ad noscenza del significato di questo termine, e se ne aves- fatto capire molto chiaramente che il problema deve
alcuni incontri nell’ambito della missione “fact fin- se limitato o abbandonato l’uso. Visto che la risposta essere affrontato in modo più serio ed efficace rispet-
ding” che la DGSANTE ha effettuato in Italia ad ini- è stata positiva per entrambe le domande, il commis- to a quanto si stia facendo ora. Ovviamente la stalla
zio novembre. Si tratta di una serie di visite che vengo- sario ha voluto verificare la veridicità con il controllo scelta è in una fase operativa molto avanzata e non cer-
no fatte nei diversi Stati Membri che volontariamente delle prescrizioni e dei trattamenti. Avendo in questa to paragonabile alla media delle situazioni; penso che
accettano di collaborare. Lo scopo è quello di raccoglie- situazione adottato la registrazione informatizzata con sull’uso del farmaco sia necessario uno sforzo maggio-
re informazioni su cosa la nazione sta facendo per pro- i programmi ministeriali, ricetta e registro elettronico, re. Ritengo anche che questa sia una grossa opportuni-
muovere l’uso prudente degli antibiotici negli animali. ha analizzato le varie voci facendo domande puntuali e tà per tutto il mondo professionale.
I commissari, in questo caso due più un osservatore, pertinenti sulle singole registrazioni. Ha voluto sapere
si sono fermati una decina di GIACOMO TOLASI
se l’allevatore avesse rappor-
giorni. Hanno visitato tutti i La riunione finale è stata poi un riassunto delle attività
livelli della catena: Ministero, La visita è stata fatta ti diretti con i grossisti o in- svolte al quale è seguita una interessante discussione.
formatori farmaceutici e se il Il commissario ha rimarcato la necessità di informare
Regioni, allevamenti di diverse valutando la documentazione veterinario, in questo caso io, gli utenti, allevatori o proprietari nel caso dei picco-
specie, mangimifici e cliniche. fosse regolarmente presente li animali, sulla necessità di un comportamento con-
Il tutto si è concluso con una disponibile e si è conclusa in stalla e fosse al corrente sapevole quando si somministrano gli antibiotici agli
riunione conclusiva a Roma al con una verifica della corretta ed approvasse i trattamenti animali. Questa sensibilizzazione è un compito impor-
Ministero, in preparazione del gestione della “scorta dei sugli animali. È stato chiesto tante che i veterinari devono assumersi. Dobbiamo
renderci conto del grande salto culturale e scientifico
report finale che verrà redat- medicinali”. Ho seguito con se venivano effettuati anti- a cui siamo chiamati a fare; una grandissima opportu-
to in seguito. Ho partecipato nità professionale che non possiamo lasciarci scappare.
alla visita presso l’allevamen- molto interesse la mattinata, biogrammi e, mostrati, li ha
to di vacche da latte di un cercando di capire le logiche allegati agli atti.
Altro argomento approfon-
mio cliente del quale era stata e le principali aree di criticità dito sono state le terapie ai
richiesta la disponibilità. La vitelli e, visto i pochissimi
visita è stata fatta valutando sulle quali il commissario, un interventi in questo settore,
la documentazione disponibile veterinario irlandese, insisteva abbiamo spiegato che si pre-

e si è conclusa con una verifica vengono le patologie con una

della corretta gestione della “scorta dei medicinali”. colostratura regolare e controllata, ha voluto informa-
Ho seguito con molto interesse la mattinata, cercando zioni sull’altra area “scottante”: la terapia dell’asciut-
di capire le logiche e le principali aree di criticità sulle ta. Si è parlato di asciutta selettiva e del fatto che la
quali il commissario, un veterinario irlandese, insiste- terapia profilattica non è più consentita. Altra area di
va. È risultato evidente che l’interesse principale era indagine ha riguardato la formazione dell’allevatore,
capire quanto l’allevatore fosse informato sulle pro- ovvero se lo stesso avesse fatto corsi specifici sulla pro-
blematiche riguardanti il tema dell’uso prudente del blematica dell’antibiotico resistenza e sull’uso pruden-
farmaco ed i tentativi di intervento dei vari veterinari te del farmaco e se la latteria o qualche associazione
presenti, Ministero, Regione, Asl ecc. venivano, se non avesse mandato delle informative sull’argomento. La
stoppati, molto limitati. Le prime informazioni richie- mia impressione è stata che più che un “fact finding”
ste sono state sull’uso dei CIA, se l’allevatore fosse a co- si sia trattato di una vera e propria ispezione che ha

5

L’occhio del gatto

General Assembly FVE

Un’alleanza per aumentare la STEFANO MESSORI
disponibilità di medicinali e
vaccini per i pesci

di Stefano Messori Durante l’Assemblea sono stati presentati sul mercato di farmaci e vaccini per i pesci, e le pos-
sibili strategie per superare tali barriere. Tra le bar-
Nel corso dell’Assemblea i progressi della FishMedPlus Coalition, un gruppo, riere identificate, l’ottenimento delle autorizzazioni,
sono stati presentati i composto da rappresentanti di numerose organizza- il costo dello sviluppo dei vaccini, e il riconoscimento
passi avanti compiuti da zioni e istituzioni attive nell’ambito dell’acquacultura, reciproco e la suddivisione dei lavori tra Autorità Com-
FishMedPlus Coalition, istituito con lo scopo di aumentare la disponibilità di petenti. Il gruppo ha poi proposto soluzioni dedicate
gruppo composto medicinali e vaccini per i pesci. La FishMedPlus Co- per ciascuna delle barriere identificate. Il terzo e ul-
da organizzazioni alition è stata istituita nel 2015 con un mandato di 3 timo step ha l’obiettivo di stimolare lo sviluppo dei
e istituzioni anni, che terminerà quest’anno. Nel primo anno di at- nuovi prodotti, e per questa fase è stato fondamentale
attive nell’ambito tività, il gruppo ha sviluppato una analisi della caren- il contatto con l’industria e con le agenzie del farmaco
dell’acquacultura. za di prodotti medicinali e di vaccini di cui il mercato (il lavoro è stato svolto in stretta collaborazione con
Fondamentale il dell’acquacultura avrebbe bisogno. Gli antiparassitari il Comitato per i Medicinali Veterinari -CVMP dell’A-
contatto con l’industria sono i prodotti su cui si sono registrate più lacune, ma genzia Europea dei Medicinali). La Coalizione ha pre-
e con le agenzie del sono numerose anche le malattie virali e batteriche visto diversi incontri per disseminare i risultati del la-
farmaco che necessitano di nuovi prodotti. Nel secondo anno, voro ad un ampio raggio di portatori di interesse, ivi
il focus sono state le barriere che ostacolano l’ingresso inclusi i legislatori europei e l’industria farmaceutica,
per guidare la semplificazione normativa e lo sviluppo
di nuovi prodotti.

I risultati dell’indagine
FVE sulla PMSG
La gonadotropina sierica di cavalla gravida In seguito allo scalpore sollevato, la FVE ha iniziato a
di Stefano Messori raccogliere informazioni sulla presenza di allevamenti
(PMSG) è un ormone, estratto dal siero di cavalle gra- dediti alla produzione di questo ormone nei vari Pa-
Nel documento sono vide, che viene utilizzato in zootecnia, e specialmente esi della UE, alle modalità di prelievo del siero (per
sottolineate le criticità in suinicoltura, per stimolare il calore e coordinare la valutare se queste possano avere un impatto sul be-
principali rispetto riproduzione. Nel 2015 sono stati portati all’attenzio- nessere delle cavalle) ed alla reale utilità/utilizzo del
al prelievo e all’uso ne dell’opinione pubblica alcuni reportage che denun- PMSG in suinicoltura. Un report, che contiene tutte
dell’ormone e valutata ciavano gravi compromissioni del benessere animale le informazioni raccolte, è stato ora pubblicato dalla
la possibilità di utilizzo nelle cosiddette “blood farms”, ossia le aziende, si- FVE. Il documento presenta un quadro della produ-
di strategie o farmaci tuate apparentemente per lo più in sud America, ove zione e dell’uso di PMSG nella UE, sottolinea le criti-
alternativi sono allevate cavalle per la produzione di sangue, da cità principali rispetto al prelievo e all’uso dell’ormone
cui l’ormone è poi estratto. I reportage erano prodot- e valuta la possibilità di utilizzo di strategie o farmaci
6 ti ad alcune organizzazioni non governative attive in alternativi. Tali dati possono rappresentare un valido
America Latina, e furono inviati anche a membri delle supporto ai medici veterinari che dovessero trovarsi a
autorità competenti di diversi stati Membri della UE, dover fornire risposte al pubblico, o a organizzazioni
con la richiesta di sospendere la vendita dei medicinali non governative, sul tema.
a base di PMSG.

L’occhio del gatto

Il cambiamento e gli orizzonti
della professione

di Elisa Cordovani

Tra le trasformazioni da affrontare ELISA CORDOVANI
anche quelle relative al clima che
comportano mutamenti profondi,
dalle migrazioni all’urbanizzazione
con conseguenze sulla produzione e la
sicurezza degli alimenti trasportati.
Il ruolo della categoria

È il tempo dei cambiamenti. È il tempo di particolare le dinamiche che porteranno nel breve pe- produrranno i così detti “deserti del cibo”. Tale eventi
riodo ad adattamenti delle condizioni di vita dell’uomo condizioneranno oltre che la produzione e l’allevamento
cogliere le opportunità per ampliare i nostri orizzonti e e degli animali rispetto ai cambiamenti climatici. Le anche la logistica e la sicurezza degli alimenti traspor-
quelli dei futuri colleghi. È il tempo di avere una visione previsioni degli esperti del settore, dimostrano come la tati. La nostra professione si troverà ad affrontare temi
della professione veterinaria diversa dal solito, che possa professione veterinaria avrà un ruolo centrale all’inter- come il rallentamento della produttività agricola con ri-
essere uno spunto per guardare oltre i nostri limiti e of- no di una strategia condivisa e coordinata di accompa- duzione degli spazi destinati alla zootecnia (considerata
frire idee; proiettando la nostra attenzione verso il futu- gnamento verso nuovi scenari geopolitici. Sull’argomen- sempre più causa di inquinamento atmosferico legato
ro. Possediamo competenze che per molto tempo ci han- to, la stessa EFSA ha sottoposto nel febbraio 2018 una alle emissioni di metano e CO2). La ricerca estrema si
no vincolati ad essere professionisti esclusivamente della survey dal titolo “Cambiamenti climatici e sicurezza ali- spingerà verso lo studio di prodotti alimentari proteici
salute pubblica o di quella animale; una concettualizza- mentare” per definire una valutazione del rischio degli a basso impatto, sicuri ed efficaci, ma molto discutibili
zione del tutto separata rispetto alle necessità dell’oggi e stessi sulla sicurezza alimentare, la salute degli animali dal punto di vista etico. L’aumento della ricchezza per
del domani. Chiedendoci se nel futuro esisteranno nuovi e quella delle piante; al fine di essere preparati alle fu- alcune nazioni determinerà un incremento della richie-
ambiti della professione medico veterinaria la risposta è: ture sfide che ci vedranno coinvolti. Basti pensare alle sta delle proteine animali con impatti ambientali e di
indubbiamente sì. Già oggi alcuni colleghi hanno orien- problematiche che il nostro pianeta dovrà affrontare, in mercato tali da modificare gli attuali equilibri produt-
tato i loro studi su settori innovativi come: sistemi infor- seguito al drastico aumento della popolazione mondiale. tivi ed economici. Il water management sarà motivo di
matici, bioingegneria e nuovi modelli di comunicazione Si stima che entro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone attente valutazioni per l’impatto che l’antropizzazione
e formazione. Oltre a questi esistono argomenti ancora si sposteranno dalle campagne verso le città, provocan- e l’eccessivo sfruttamento delle risorse idriche avranno
più inesplorati che offrono opportunità di sviluppo, in do l’urbanizzazione di 1,5 milioni di chilometri quadrati, sul pianeta. La veterinaria si orienterà sempre più verso
pari ai territori di Francia, Germania e Spagna messe approcci olistici, in grado di rispondere a quelli che sa-
assieme. Fenomeno sociale inarrestabile e tendenza ir- ranno i principali paradossi del prossimo futuro come ad
reversibile, che va gestito e studiato dal punto di vista esempio: morire per fame o per obesità? nutrire persone,
dell’assetto urbanistico, dei trasporti, del contesto oc- animali o automobili? alimentare lo spreco o sfamare gli
cupazionale, ma soprattutto della salute pubblica. I affamati? Tutto ciò indurrà a riflessioni profonde non
fenomeni migratori con la conseguente urbanizzazione, solo in termini di one health ma sempre più si parlerà di
interesseranno soprattutto i paesi in via di sviluppo e global health.

Un giorno
di straordinaria sinergia

di Emanuela Sannino

In un percorso di I l mio intervento come relatore alla FVE GA e EMANUELA SANNINO
condivisione appare
molto importante al CN FNOVI è iniziato con una frase che ai più sarà È stata infine una grande opportunità poter condivide-
il contributo della sembrata di semplice circostanza, ma che in realtà era il re le stesse preoccupazioni per le forti variazioni che sta
professione offerto riflesso del tripudio di sensazioni provate in quella gior- subendo la nostra professione, che nel prossimo futuro
in termini di salute, nata: “è stato un onore” vedere con i propri occhi chi avrà un ruolo quanto mai cruciale non solo per la salute
benessere animale c’è dietro queste organizzazioni ed il reale interesse che ed il benessere animale, ma soprattutto per la salvaguar-
ed umano ogni medico veterinario lì presente ha manifestato per il dia della salute umana e ambientale. Quest’esperienza
miglioramento della nostra professione. È stato inoltre sarà quindi il mio monito, affinché la nostra competen-
pregevole poter condividere lo stesso desiderio, quello di za professionale sia ancor più riconosciuta e apprezzata
vedere i medici veterinari uniti in un’unica voce, compli- dalla società.
ci nel promuovere l'importanza del nostro lavoro, affin-
ché le persone capiscano l’enorme contributo che dà alla 7
collettività.

L'occhio del gatto

Avvio della professione:
inizi difficili

di Luiz Pagliarini LUIZ PAGLIARINI

Il futuro appare incerto anche a causa di
remunerazioni insufficienti ed elevati carichi di
lavoro. Diventa pertanto prioritario creare una via
specifica di inserimento nel modo del lavoro

D obbiamo riflettere profondamente sulla cantato. Sempre a cinque anni dalla laurea dichiarano che possano essere gli sbocchi lavorativi che garantisca-
di guadagnare mensilmente di più i laureati dell'ateneo no una soddisfazione economica nell’esercitare la profes-
condizione dei giovani colleghi che si ritrovano catapul- bolognese (1.645 euro), mentre i laureati di Sassari han- sione Veterinaria.
tati, dopo la laurea, in un mondo del lavoro estrema- no la media peggiore, sotto i 1000 euro (990 euro). In tale contesto è prioritario fornire una strategia per
mente complicato. A cosa sono dovuti questi stipendi così bassi? È un pro- l’inserimento nel mondo del lavoro, con particolare ri-
AlmaLaurea ha presentato i Rapporti 2018 sul profilo blema di mancato riconoscimento da parte della società ferimento alle attività di affiancamento dei neolaureati
dei laureati italiani e sulla loro condizione occupazio- della professionalità del Medico Veterinario? Oppure per la loro crescita professionale, promuovendo i percor-
nale. Il laureato medio in Veterinaria proviene dal liceo sono difficoltà legate alla saturazione del mercato del si di internship tra i diversi Paesi e potenziando le busi-
scientifico, ha 27 anni, non ha una carriera di studi rego- lavoro che rende spietata la concorrenza tra i colleghi? ness e soft skills dei laureandi/neolaureati. Per tracciare
lari, ma ha fatto più esperienze all'estero degli altri lau- In questo scenario di desolazione i neolaureati in una una strada vincente c'è un solo modo: valorizzare la for-
reati magistrali. Il tasso di occupazione di un laureato condizione di disagio e i colleghi che a più di 5-10 anni mazione e la competenza, che sono la migliore garanzia
in Veterinaria è del 61% in un anno. In questa fase, lo dalla laurea non si sono ancora affermati nel mondo per i cittadini”.
stipendio medio dei veterinari si attesta attorno ai 887 del lavoro, esprimono il loro disappunto che è legato in I giovani devono essere stimolati ad ampliare i propri
euro. A cinque anni dalla laurea il tasso di occupazione particolare all’elevato carico di lavoro e al basso ricono- orizzonti della pratica e della ricerca in ambito veterina-
registra un picco fra i laureati a Parma (94%) e il mini- scimento economico. Il futuro riserva alla categoria un rio, e lo si deve fare prima del conseguimento del titolo
mo fra i laureati a Sassari (52,6%); la principale attività mercato che richiederà una maggiore specializzazione di studio. La nostra professione non tratta soltanto la
formativa svolta dopo la laurea, a livello nazionale, è la da parte di tutti i colleghi. I giovani laureandi devono clinica dei piccoli animali, ma rappresenta un elemento
“collaborazione volontaria” seguita da tirocinio/prati- essere informati sull’avvio della professione ancora all’u- chiave dell’ingranaggio di funzionamento della sanità
niversità, cosicché possano decidere quale sia la specia- pubblica e di conseguenza siamo tra i principali attori
lizzazione da loro più sentita, tenendo conto di quelle per l’approccio One Health.

Il tesoro nascosto
della veterinaria

di Arianna Russo

Una riflessione sul futuro della professione tra mercato e formazione,
potenzialità e realtà dei fatti, etica e competenze, università e ricerca.
Pur senza prevedere il futuro, si può affermare che i giovani colleghi
hanno di certo bisogno di una guida

I l 44% dei veterinari europei ha meno di 40 anni tendo dalla formazione: programmi universitari allinea- ARIANNA RUSSO
ti alle necessità di un settore completamente rinnovato
(Survey of the Veterinary Profession in Europe, FVE, in pochi decenni, specializzazioni fruibili a tutti, com- zioni, sembra essere un settore chiuso in relazione al re-
2015). Come stiamo valorizzando quella che è quasi una patibili con un’attività lavorativa e acquisizione delle stante mondo accademico. Questo è il punto di partenza
maggioranza demografica e manovrerà il timone in un cosiddette “competenze chiave’’ (raccomandazione del per valorizzare la figura del veterinario all’interno della
futuro prossimo? Tutti piccoli animali? Dipendenti o Consiglio della Commissione Europea 9009/18). Tra que- sanità (ma non solo) e al servizio della collettività.
imprenditori? Professione intellettuale o tecnica? E la ste ultime ricordo lo “spirito critico”, sempre costrutti-
leadership sanitaria? vo, da non confondere con la critica incessante, quella Altrettanto importante è non smarrire gli aspetti eti-
Una professione di giovani poveri è una professione po- dei social, distruttiva. co-deontologici che devono illuminare le nostre scelte in
vera. Quale peso vogliamo avere nella società contem- Per creare nuovi spazi nel mercato del lavoro, allegge- funzione del servizio che rendiamo alla salute dell’uo-
poranea se non riusciamo ad (ac)cogliere le difficoltà dei rendo i settori più inflazionati (animali da affezione), la mo, degli animali e alla tutela dell’ambiente. Il rischio
nostri giovani colleghi? Valorizzarli è un dovere deonto- veterinaria deve prendere atto delle proprie potenzialità di perdere questo punto fisso per cercare ormeggi sicuri
logico, indipendentemente dalla responsabilità su cui oppure verrà smembrata in ‘’lauree Topolino’’ e profili nel capitale o nei movimenti animalisti è quello di per-
ricade la scarsa spendibilità della laurea sul mercato oc- tecnici. Il tesoro nascosto è sotto i nostri occhi: rapporto dere tutto: perdere la propria indipendenza decisionale e
cupazionale. Entusiasmo e disillusione convivono: anni uomo-animale, ambiente, biodiversità, produzioni zoo- il proprio status di professione intellettuale, sanitaria e
di studi non possono arenarsi in quello che può diventare tecniche emergenti e sostenibili, biotecnologie, bioetica, scientifica.
il fallimento di un progetto di vita. Non è immediato diagnostica, prevenzione... È arduo fare previsioni, specialmente per quanto riguar-
trovare una soluzione, anche perché si tratta di mettere Le professioni afferenti alle scienze della vita trovano il da il futuro. Non si possono creare linee-guida sul fu-
in atto una strategia a lungo termine e su più livelli, par- proprio fondamento nella ricerca scientifica che ne muo- turo, ma i giovani colleghi hanno bisogno di una guida
ve i progressi concettuali, tecnici, bioetici. La ricerca che fornisca loro gli strumenti per essere consapevoli del
scientifica veterinaria a livello globale, a parte rare ecce- proprio ruolo sociale, politico ed economico e li conduca
in quello che dovrebbe essere un percorso di crescita pro-
fessionale sicuro.

8

L’occhio del gatto

Brexit,
cosa succede adesso?

di Roberta Benini

In una sessione speciale dell’incontro di Roma si è parlato
dell’uscita dall’Europa del Regno Unito il prossimo 29 marzo

L a sessione speciale organizzata dallo Sta- della lingua inglese solo se l'RCVS nutre “seri e concreti Inoltre, l'uscita dai sistemi di sorveglianza dell'UE e l'in-
dubbi” – come prevede la direttiva qualifiche – l’ipotesi certezza circa l'accesso ai farmaci potrebbe avere effetti
tutory Bodies WG della FVE in occasione della GA a più probabile sarebbe quella di estendere la prova for- negativi sulla salute e sul benessere degli animali a valle
Roma ha visto la partecipazione di un elevato numero male della competenza linguistica a tutti i laureati all'e- della linea, richiedendo maggiori capacità alla professio-
di delegati, tutti desiderosi di conoscere le decisioni delle stero per i quali l'inglese non è la loro prima lingua o la ne medico veterinaria.
AC Inglesi su Brexit. loro lingua madre, compresi i cittadini dell'UE. La pro- Nel settore dell'igiene delle carni, le stime suggeriscono
L’unica certezza per ora riguarda la data: alle 11.00 p.m. fessione veterinaria è già in difficoltà e recenti dati del che il 95% della forza lavoro veterinaria del Regno Unito
del prossimo 29 marzo il Regno Unito abbandonerà RCVS evidenziano che il 32% dei medici veterinari non sia composta da laureati d'oltremare, prevalentemente
l’UE. Sulle conseguenze di questa uscita è stato e conti- britannici dell'UE sta valutando la possibilità di tornare in UE. I Veterinari ufficiali hanno un ruolo fondamenta-
nua ad essere detto molto, lasciando però sempre ampio a casa e il 18% sta attivamente cercando lavoro al di le per la certificazione della qualità della carne e di altri
margine alle ipotesi e a possibili accordi finalizzati a ri- fuori del Regno Unito, il che indica che Brexit aggraverà animali, prodotti per l'importazione e l'esportazione e
durre un impatto che potrebbe essere davvero devastan- queste carenze. nel monitoraggio delle malattie infettive.
te. Che cosa succederà ai medici veterinari non inglesi? E quali saranno i requisiti della formazione? La Brexit potrebbe avere conseguenze negative sulla sa-
Chi prenderà il loro posto? Quali saranno le nuove regole Sempre BVA ha evidenziato che nel caso di uno scena- lute e sul benessere animale, hanno avvertito i colleghi
per lavorare nel Regno Unito? Nessuno lo sa. rio di “no deal” il RCVS potrebbe limitare l’iscrizione inglesi, ma una soluzione a tutti gli scenari non sembra
I medici veterinari laureati in UE costituiscono una par- dei laureati con titolo di studio ottenuto in facoltà non essere vicina e i primi ad esserne preoccupati sono pro-
te fondamentale della forza lavoro del Regno Unito e ad approvate o accreditate dall’EAEVE, con impatto solo prio i colleghi inglesi:
oggi circa il 50% dei medici veterinari che si iscrivono su una piccola minoranza (circa il 13%) di chi fa doman- “Andando avanti è fondamentale che il governo si impegni
all’Albo nel Regno Unito non sono laureati in UK. da di iscrizione, percentuale che dovrebbe diminuire con pienamente con la professione veterinaria su questioni che
Il Royal College of Veterinary Surgeons (RCVS) British l'accreditamento di un numero maggior di scuole vete-
Veterinary Association BVA e DEFRA (Department for rinarie europee. Questa minoranza di candidati sarebbe influenzano il loro lavoro nel mantenimento degli standard
Environment, Food & Rural Affairs) stanno affrontan- comunque in grado di iscriversi al registro RCVS dopo
do, con britannica flemma, tutti i problemi, ad esempio aver superato l'esame di ammissione. invece abbiamo la continua preoccupazione che questo non
il riconoscimento dei titoli di laurea che non rientrerà Se non verranno finalizzati accordi - il cosiddetto “no
più nella Direttiva qualifiche. Se al momento i colleghi deal Brexit” - su specifiche tematiche sarà richiesto an- stia accadendo in tempo per mettere in atto qualcosa di si-
dell’UE che fanno domanda di iscrizione al RCVS devo- cora più lavoro da parte dei medici veterinari per soddi-
no sostenere un esame per verificare la loro conoscenza sfare la crescente domanda di certificazione necessaria gnificativo. Per esempio, dobbiamo ancora essere coinvolti
per l'esportazione di animali e prodotti animali e per i
viaggi degli animali da compagnia. nel processo di test e formazione per il nuovo sistema da

27,5 milioni di sterline destinato a sostituire TRACES che

dovrebbe essere pienamente operativo per marzo 2019 e dove

i medici veterinari sarebbero uno dei principali utenti,” ha
scritto il presidente di BVA Simon Doherty.

Welcome dinner FVE

Immagini della festa di benvenuto.
Si ringraziano gli Ordini che hanno contribuito a dare una fantastica immagine del nostro Paese

9

INTERVISTA

di ROBERTA BENINI

Tuteliamo i diritti
degli animali

Michela Brambilla illustra le finalità e le attività dello
specifico Intergruppo parlamentare nato nella legislatura
in corso. “Ci attiviamo attraverso l'azione legislativa,
conoscitiva e di indirizzo politico”, spiega
la promotrice e presidente
1)Onorevole Brambilla, come descriverebbe l’Inter- 3)Come si realizza la collaborazione fra tanti soggetti

gruppo parlamentare per i diritti degli animali? Come con diverso background e di partiti diversi?
si è formato e su quali basi?
“Gli intergruppi sono associazioni di parlamentari, “È molto più semplice di quanto si creda. I parla-
appartenenti a Camere e gruppi politici diversi, che mentari che amano gli animali e vogliono vederli
hanno deciso di raccordare e armonizzare la propria rispettati trovano presto un accordo. I problemi co-
azione politica su un tema specifico. Nella scorsa le- minciano semmai all’interno dei gruppi di apparte-
gislatura ce n’erano molti. Il nostro, che ho promosso nenza dei singoli deputati o senatori”.
in questa, è il primo dedicato ai diritti degli animali.
Attualmente ne fanno parte 44 parlamentari, 18 se- Abbiamo firmato insieme, MICHELA BRAMBILLA
natori e 26 deputati di tutti i gruppi. Abbiamo due a cominciare da me, un
vicepresidenti, le senatrici De Petris (LeU) e Russo pacchetto "trasversale" di 4)Quali sono/saranno le prossime attività?
emendamenti con l’obiettivo Dopo la battaglia sugli emendamenti alla manovra
2)(M5s) e due segretarie di presidenza, la sen. Sbrana di ridurre la pressione fiscale per un fisco “amico dei quattrozampe”, credo che ci
su chi convive con animali da concentreremo sull’inasprimento delle sanzioni a ca-
(Lega) e l’on. Frassinetti (Fdi)”. compagnia e di promuovere la rico di chi uccide o maltratta animali e sulla tutela
salute pubblica, che è una sola: della fauna selvatica”.
Il nome è già abbastanza chiaro, ma ci potrebbe spie- umana e animale
gare meglio gli obiettivi e le modalità di lavoro?
“L’Intergruppo ha lo scopo di promuovere la tute-
la degli animali e dei loro diritti attraverso l’attivi-
tà legislativa, conoscitiva, di indirizzo politico e di
sindacato ispettivo. Lavoriamo senza vincoli forma-
li, individuando temi che ci sembrano “prioritari”,
formulando proposte o sollecitando la calendarizza-
zione, in commissione o in aula, delle proposte già
esistenti”.

VetSurvey 2018, la seconda edizione dell'indagine
FVE sulla professione veterinaria in Europa.

FVE con il supporto di MSD Animal Health EURAM smare il futuro del settore. L'edizione precedente Questa indagine aiuterà non solo voi e il vostro fu-
sta realizzando la seconda edizione di VetSurvey, ha raccolto le risposte di oltre 13.000 veterinari di turo come singolo medico veterinario, ma anche le
uno studio sulla professione veterinaria in Europa. 24 paesi e i risultati sono stati pubblicati in un am- generazioni future.
Lo scopo è valutare a fondo molti aspetti della pro- pio rapporto consultabile su www.fnovi.it L'indagine richiederà solo 10-15 minuti per essere
fessione veterinaria in Europa, come le statistiche Per proseguire ad approfondire la conoscenza della completata accedendo al link pubblicato sul porta-
demografiche, il mercato del lavoro e gli indicato- professione veterinaria in Europa e per vedere le le Fnovi e su facebook e la compilazione sarà aper-
ri finanziari che aiutano la FVE a comprendere la direzioni in cui la professione si sta muovendo, la ta fino alla fine di gennaio 2019.
situazione attuale della professione veterinaria e vostra collaborazione a questo secondo VetSurvey
quali azioni potrebbero aiutarci a migliorare e pla- è molto importante.

10



Previdenza

a cura di Enpav

60 anni di Enpav:
“Una volta qui
era tutta campagna”

Un convegno svoltosi
a Roma nei giorni
scorsi ha celebrato
l’anniversario dell’ente:
un’occasione per
rilanciare il ruolo
del veterinario in
molteplici settori della
società e per capire
quale saranno le
nuove frontiere che lo
attendono in futuro

Da sinistra il vicepresidente Tullio Scotti, il presidente Gianni Mancuso, Il giornalista Rai Franco Di Mare,
il direttore generale Giovanna Lamarca.

I 60 anni dell’Enpav, nato nel 1958 grazie all’intui- ste iscritte agli Ordini sono il 48%, nelle facoltà univer- Inoltre è stato evidenziato che nelle filiere produttive di
sitarie sono il 75-80%. Le donne veterinarie sono orien- alimenti di origine animale, il food made in italy, il ruo-
zione di un medico veterinario parlamentare dell’epoca, tate prevalentemente verso un solo ambito professionale lo del medico veterinario è ancillare, anziché strategico,
Onorevole Dante Graziosi, sono stati l’occasione per or- (quello dei Pet) e pertanto rischiano di rimanere scoperti come invece dovrebbe essere in quanto i veterinari sono
ganizzare un Convegno che si è tenuto a Roma, lo scorso gli altri settori. tutori della salute pubblica.
24 novembre. I Delegati provinciali, presenti per l’As- Si è aggiunta poi la necessità di valorizzazione del ruolo
semblea Nazionale di approvazione del budget del pros- È stato evidenziato che nelle del medico veterinario nella lotta allo spreco alimentare
simo anno, hanno assistito alle due tavole rotonde che filiere produttive di alimenti di che può trovare la giusta declinazione nell’educazione
sono state il momento centrale del Convegno. origine animale, il food made alimentare. In sostanza si è parlato di veterinari come
La prima, moderata dal giornalista Rai Franco Di Mare, in italy, il ruolo del veterinario preventori, garanti della sicurezza alimentare a 360°,
ha visto come protagonisti, illustri esponenti della pro- è ancillare, anziché strategico, alle prese con una carenza di fondo: il problema della
fessione veterinaria che si sono confrontati sul ruolo del come invece dovrebbe essere professione è la “narrazione” della professione stessa,
medico veterinario nell’immaginario collettivo: Andrea in quanto i veterinari sono ovvero il messaggio che arriva, o meglio che non arriva,
Gavinelli - Direzione Generale Sanità UE, Aldo Grasselli tutori della salute pubblica. Si all’utente. Infine il dibattito si è incentrato sulla nuova
- Segretario Nazionale S.I.VE.M.P., Romano Marabelli è aggiunta poi la necessità di frontiera su cui sarà impegnato il medico veterinario nei
- Consigliere e Sostituto Direttore Generale O.I.E., Ga- valorizzazione del ruolo del prossimi 10 anni: antibiotico resistenza e benessere ani-
etano Penocchio - Presidente Fnovi, Carlo Scotti - Past medico veterinario nella lotta male. Anche in questo ambito è poco noto il lavoro che
President ANMVI, Antonio Sorice - Presidente S.I.Me. allo spreco alimentare che può viene fatto sull’antibiotico resistenza e che vede i vete-
Ve.P.. Tutti si sono trovati d’accordo sul fatto che poco trovare la giusta declinazione rinari impegnati in prima linea nel rafforzare il sistema
si sappia su quanto i veterinari facciano a tutela della nell’educazione alimentare di sorveglianza delle vendite e favorire l’uso corretto e
salute pubblica. Un lavoro “sommerso” che non arriva consapevole dei medicinali in ambito medico veterina-
ai cittadini, ai consumatori finali. I principali punti su rio. Il medico veterinario rappresenta l’interlocutore pri-
cui si è focalizzata la discussione sono stati la progressiva vilegiato nel rapporto tra proprietario o allevatore degli
femminilizzazione della professione, oggi le professioni- animali per spiegare quando e perché gli antibiotici non
devono essere usati e, al contrario, quando e come, inve-
ce sia il caso di farvi ricorso per assicurarne un uso ap-

12

Previdenza

propriato. Usare gli antibiotici in maniera responsabile
significa tutelare la salute di tutti, perché la resistenza
agli antibiotici è diventata una delle maggiori minacce
per la salute globale ed è in aumento a livelli pericolosa-
mente alti in tutte le parti del pianeta.

Il veterinario rappresenta
l’interlocutore privilegiato nel
rapporto tra proprietario o
allevatore degli animali per
spiegare quando e perché gli
antibiotici non devono essere
usati e, al contrario, quando e
come, invece sia il caso di farvi
ricorso per assicurarne un uso
appropriato. Usare gli antibiotici
in maniera responsabile significa
tutelare la salute di tutti

Sono stati gli investimenti e il welfare, i temi della secon- “È la logica della solidarietà- spiega il Presidente Gianni GIANNI MANCUSO
da tavola rotonda del Convegno, moderata dal giornali- Mancuso- che ci porta ad introdurre queste nuove forme
sta deI Sole24 Ore Dino Pesole proposti dal Presiden- di previdenza assistenziale. Borse Lavoro per supportare i giovani talenti nell’inse-
te Enpav, Gianni Mancuso, ai colleghi Presidenti delle Si vuole aprire un canale di comunicazione continuo con rimento nel mondo della professione; il potenziamento
altre Casse che hanno preso parte al dibattito: Walter questi nostri Colleghi, per affiancarli sia durante la ge- dell’attività di verifica della congruità delle dichiarazio-
Anedda - Cassa Commercialisti, Valerio Bignami - Periti stione del figlio disabile e sia garantendo al figlio stesso ni reddituali e l’attivazione della polizza infortuni per
Industriali, Nunzio Luciano - Cassa Forense, Giuseppe un supporto per il “dopo”. Abbiamo mutuato il model- garantire una copertura assicurativa nei casi di infortu-
Santoro - Inarcassa. Tutti hanno apprezzato l’interven- lo assistenziale da alcune proposte di legge che da molti nio che incidono sull’attività professionale.
to del Sottosegretario al Ministero del Lavoro, Claudio anni vengono proposte al Parlamento nell'ambito della Un tema, quest’ultimo, più volte sollecitato dalla Cate-
Durigon, che parlando della prossima legge di bilancio, Previdenza Nazionale e che l'ENPAV ha valutato attua- goria e che ha trovato il plauso di tutti i Delegati pre-
ha anticipato due importanti novità per il mondo della bili e sostenibili per i propri iscritti”. senti. Rispetto ai dati previsionali 2018, la Gestione
Casse: la conferma degli investimenti esentasse fino all’8 Nella medesima giornata, l’Assemblea dei Delegati ha previdenziale presenta un risultato lordo in crescita del
per cento e un emendamento in arrivo per dare più au- approvato, sempre all’unanimità, il Bilancio Preventivo 6,28% (+ 3.438.595 euro), dato dal saldo tra la Gestione
tonomia al welfare previdenziale. Segnali di attenzione, 2019. contributi (+ 7.459.000; +7,22%) e la Gestione presta-
che i partecipanti alla tavola rotonda hanno ben accol- zioni (+ 4.020.405; +8,28%).
to, auspicando continuità di dialogo anche sui temi di La misura, che adesso deve Le riserve patrimoniali espongono un dato pari a € 817
sistema per l’economia e lo sviluppo nazionale. andare all’approvazione dei mln, in aumento di circa l’8% rispetto al precedente pre-
“Il Governo è ben attento alle Casse dei professionisti e Ministeri vigilanti, consente ventivo.
stiamo cercando di riconoscergli maggiori margini di au- il pensionamento anticipato I risultati attesi per il 2019 evidenziano un utile di eser-
tonomia” ha dichiarato l’On.le Durigon, che ha ribadito a 60 anni, anziché 62, ed il cizio pari a 53.173.135, in crescita del 3,52% rispetto a
l’importanza di indirizzare gli investimenti delle Casse riconoscimento di 3 anni di quello previsto per il 2018.
verso l’economia reale anche per sostenere la crescita del contribuzione figurativa a I lavori assembleari sono iniziati con le presentazioni
Paese. favore del Veterinario che di due relatori d’eccezione, Maurizio Zulian, Medico
“Un milione e mezzo di professionisti con il loro indotto abbia assistito in casa un figlio Veterinario studioso di Civiltà Antiche, e Giovanni Re,
di 2.5 milioni di lavoratori generano economia reale – ha invalido, per almeno 18 anni. già Direttore del Dipartimento di Scienze Veterinarie
commentato il Presidente Mancuso – ma anche risorse Alla pensione saranno applicati dell’Università degli Studi di Torino, che hanno parlato
intellettuali e redditi che attraverso gli investimenti del- i coefficienti di calcolo validi per ai presenti della storia della Medicina Veterinaria.
le Casse entrano nel sistema circolatorio dell’economia chi va in pensione anticipata a
nazionale. Inoltre una maggiore autonomia nel welfare, 62 anni. La misura si traduce 13
vuol dire dare più assistenza allo sviluppo professionale quindi in un triplice beneficio:
e più sostegno alle famiglie dei nostri iscritti, sollevando anagrafico, contributivo e di
lo Stato da questi oneri di spesa”. misura della pensione.
Il riferimento è al più recente intervento assistenziale E per chi non raggiunge i 18
varato dall’Enpav e approvato all’unanimità dall’As- anni, sarà riconosciuto 1 anno di
semblea Nazionale dei Delegati del 25 novembre: il pen- contribuzione figurativa ogni 6
sionamento anticipato ed il riconoscimento di una con- anni di assistenza continuativa
tribuzione figurativa aggiuntiva per i veterinari con figli al figlio invalido, fino ad un
invalidi, una misura di welfare previdenziale che l’En- massimo di tre anni
pav è la prima Cassa ad introdurre. Inoltre, un aumento
della quota di reversibilità per i figli inabili che rimanga- Un Bilancio, come anticipato dal Presidente Mancuso
no orfani di entrambi i genitori. nella sua relazione, che è l’espressione dei progetti che i
“Dal 1958 siamo accanto ai medici veterinari, adesso vertici dell’Enpav hanno intenzione di mettere in cam-
siamo il primo ente previdenziale privatizzato ad intro- po. Tra questi, l’aumento da 50 a 100 del numero delle
durre questa forma di solidarietà previdenziale" – ha di-
chiarato il Presidente Enpav Gianni Mancuso.
La misura, che adesso deve andare all’approvazione dei
Ministeri vigilanti, consente il pensionamento anticipa-
to a 60 anni, anziché 62, ed il riconoscimento di 3 anni di
contribuzione figurativa a favore del medico veterinario
che abbia assistito in casa un figlio invalido, per almeno
18 anni. Alla pensione saranno applicati i coefficienti di
calcolo validi per chi va in pensione anticipata a 62 anni.
La misura si traduce quindi in un triplice beneficio: ana-
grafico, contributivo e di misura della pensione. E per
chi non raggiunge i 18 anni, sarà riconosciuto 1 anno di
contribuzione figurativa ogni 6 anni di assistenza conti-
nuativa al figlio invalido, fino ad un massimo di tre anni.

14




Click to View FlipBook Version
Previous Book
SJP Viewbook
Next Book
Mahi Tahi 2018