The words you are searching are inside this book. To get more targeted content, please make full-text search by clicking here.
Discover the best professional documents and content resources in AnyFlip Document Base.
Search
Published by OneBit Informatica Torino, 2017-05-15 08:00:25

Michele Colaci - Programma Elettorale Amministrative 2017

www.michelecolaci.it

Michele  Colaci  
candidato  Sindaco  di  Rivalta  di  Torino  


 

Programma  Amministrativo  


 

 

 

 

1
 

 


G r a n d i   P r o g e t t i  

S i c u r e z z a  

Proponiamo
  un
  incremento
  della
  vigilanza
  sul
  territorio
  da
  parte
  della
  Polizia
  Municipale
  con
  l’aumento
 
dell’orario
 notturno
 delle
 pattuglie,
 da
 ottenere
 attraverso
 la
 concertazione
 di
 nuovi
 contratti
 integrativi
 di
 
lavoro.
 

Vogliamo
  promuovere
  la
  sicurezza
  partecipata
  attraverso
  il
  meccanismo
  del
  controllo
  di
  vicinato.
 
Avanzeremo
  una
  proposta
  per
  creare
  un
  contatto
  attivo
  24
  ore
  su
  24,
  collocato
  in
  un
  “Edificio
  della
 
Sicurezza”
 che
 sia
 sempre
 in
 collegamento
 con
 le
 forze
 dell’ordine,
 utile
 al
 cittadino
 per
 segnalare
 qualsiasi
 
situazione
 di
 emergenza.
 

Sarà
 necessario
 che
 le
 telecamere
 esistenti
 vengano
 collegate
 alla
 centrale
 operativa
 collocata
 nel
 suddetto
 
“Edificio
  della
  Sicurezza”
  e
  che
  la
  vigilanza
  privata
  sui
  beni
  pubblici
  possa
  fare
  riferimento
  a
  tale
  centrale
 
operativa;
 quest’ultima,
 a
 sua
 volta,
 sarà
 costantemente
 in
 contatto
 sia
 con
 la
 Polizia
 Municipale
 che
 con
 i
 
Carabinieri.
 

Verrà
  altresì
  proposta
  la
  sottoscrizione
  di
  una
  convenzione
  con
  una
  ditta
  specializzata
  del
  settore,
 
attraverso
  un
  bando,
  e
  ad
  ogni
  cittadino
  che
  aderirà
  verrà
  riconosciuto
  uno
  sconto
  a
  fronte
  della
  spesa
 
sostenuta
 per
 il
 servizio
 pubblico
 reso.
 

I
 suddetti
 impegni
 potranno
 essere
 finanziati
 tramite
 la
 destinazione
 alla
 sicurezza,
 non
 solamente
 stradale,
 
del
  massimo
  della
  quota
  prevista
  dalla
  normativa
  degli
  introiti
  derivanti
  dalle
  sanzioni
  per
  violazione
  a
 
c.d.s.
 

P a r c o   d e l l a   C o l l i n a   M o r e n i c a  

Intendiamo
  dar
  corso
  ad
  un
  ambizioso
  progetto
  di
  riqualificazione
  della
  collina
  morenica
  rivaltese,
  uno
 
spazio
  vastissimo
  e
  meraviglioso
  in
  cui
  esplorare,
  passeggiare,
  imparare
  e
  praticare
  attività
  fisica,
  così
  da
 
renderla
 più
 accessibile
 e
 fruibile
 da
 tutti
 i
 rivaltesi
 e
 i
 turisti.
 

Tale
 progetto
 prevede
 la
 creazione,
 tramite
 la
 risistemazione
 dei
 sentieri
 storici
 ed
 esistenti,
 di
 una
 rete
 di
 
vie
 boschive
 con
 diverse
 lunghezze
 e
 difficoltà,
 adatte
 sia
 a
 chi
 vuole
 passeggiare,
 che
 a
 chi
 vuole
 allenarsi
 
correndo
  o
  pedalando;
  tale
  rete,
  tramite
  il
  coinvolgimento
  delle
  amministrazioni
  comunali
  di
  Rivoli,
 
Villarbasse
  e
  Reano,
  potrebbe
  raggiungere
  i
  40-­‐50
  km
  di
  lunghezza
  e
  i
  2000m
  di
  dislivello
  complessivi
  tra
 
salite
 e
 discese.
 

Oltre
  alla
  risistemazione
  dell’esistente
  c’è
  l’intenzione
  di
  inserire
  nuove
  attività
  collegate
  all'uso
  della
 
collina
  e
  al
  rispetto
  dei
  suoi
  boschi,
  che
  potrebbero
  essere
  racchiuse
  in
  un
  centro
  sportivo
  dedicato
  al
 
mondo
 della
 bicicletta,
 ubicato
 alla
 base
 dei
 boschi,
 che
 comprenda
 un
 bar
 (per
 l’accoglienza
 ai
 fruitori
 della
 
collina
  e
  del
  centro
  sportivo,
  ma
  anche
  per
  l’organizzazione
  di
  eventi),
  un
  percorso
  per
  balance
  bike
 
(dedicato
 ai
 bambini
 da
 2
 a
 8
 anni),
 un
 tracciato
 pump
 track,
 cross
 country,
 enduro
 e
 persino
 downhill
 (per
 
tutti
  i
  biker
  dal
  più
  esperto
  al
  meno
  esperto),
  un'area
  dirt
  park
  (per
  BMX
  o
  dirt
  bike);
  un
  percorso
  north
 
shore,
 ed
 infine
 un
 noleggio
 di
 bici
 elettriche
 (per
 permettere
 anche
 ai
 meno
 allenati
 e
 competitivi
 di
 poter
 
apprezzare
 le
 bellezze
 della
 collina
 e
 di
 Rivalta)
 e
 un’officina
 ciclistica.
 

Nel
 parco
 ciclistico
 così
 delineato,
 una
 volta
 riqualificata
 la
 collina
 ed
 i
 suoi
 sentieri
 si
 potrà
 organizzare
 un
 
calendario
 di
 gite
 organizzate
 in
 bicicletta,
 eventi
 musicali,
 mostre
 artistiche
 o
 rievocazioni
 storiche
 lungo
 i
 
sentieri
 della
 collina.
 

Infine,
 il
 bosco
 di
 Rivalta
 di
 Torino
 potrebbe
 essere
 il
 luogo
 ideale
 per
 uno
 splendido
 Adventure
 Park
 (con
 
percorsi
 ad
 ostacoli
 sugli
 alberi,
 ponti
 tibetani,
 scale
 a
 pioli
 e
 liane,
 percorsi
 didattici
 di
 sopravvivenza,
 ecc.),
 
che
 costituirebbe
 una
 splendida
 attrattiva
 non
 solo
 per
 i
 cittadini
 rivaltesi,
 ma
 anche
 turistica,
 e
 attività
 per
 
le
 scuole.
 
 

2
 

 


S p o r t  

Occorre
  intraprendere
  un
  progetto
  che,
  tramite
  accordi
  con
  Governo,
  Regione,
  CONI
  e
  privati,
  possa
 
giungere
 al
 finanziamento
 di
 un
 nuovo
 centro
 sportivo
 multidisciplinare
 a
 Rivalta,
 che
 includa
 un
 palazzetto
 
dello
 sport,
 una
 piscina
 e
 una
 palestra
 comunali.
 
Vogliamo
  in
  ogni
  caso
  costruire,
  su
  un’area
  già
  individuata
  nelle
  vicinanze
  del
  Parco
  del
  Monastero,
  una
 
tensostruttura
 coperta
 che
 ospiti
 una
 pista
 di
 atletica
 e
 campi
 da
 basket
 e
 pallavolo.
 

V a l o r i z z a z i o n e   d e l l ’ A r e a   d e l l e   C a s e r m e t t e  

Presenteremo
  un
  progetto
  complessivo
  per
  disegnare
  il
  futuro
  dell’area
  oggi
  fatiscente
  delle
  Casermette,
 
che
  consideriamo
  una
  grande
  risorsa
  per
  il
  territorio
  rivaltese.
  In
  base
  ad
  esso,
  si
  verrà
  a
  creare
  quella
 
importante
 “ricucitura”
 urbanistica
 di
 Tetti
 Francesi
 con
 Gerbole,
 nella
 quale
 verranno
 inseriti
 anche
 quei
 
servizi
 mancanti
 e
 richiesti
 da
 anni.
 
Gli
 spazi
 per
 la
 comunità
 saranno
 i
 protagonisti:
 si
 affiancheranno
 una
 zona
 a
 parco
 pubblico,
 un
 villaggio
 di
 
piccole
  casette
  ad
  alte
  caratteristiche
  di
  eco-­‐compatibilità,
  e
  alcuni
  edifici
  che
  potranno
  essere
  utilizzati
 
dalla
 stragrande
 maggioranza
 dei
 nostri
 concittadini,
 tra
 cui
 l’”Edificio
 della
 Sicurezza”,
 un
 poliambulatorio
 
e
 uffici
 comunali
 decentrati.
 
 

C a s t e l l o   d e g l i   O r s i n i  

Il
 Castello,
 vero
 e
 proprio
 simbolo
 della
 città,
 è
 destinato
 ad
 essere
 il
 centro
 organizzativo
 di
 tutti
 gli
 eventi
 
cittadini
 e
 non
 solo;
 al
 suo
 interno
 verrà
 creato
 un
 polo
 culturale
 integrato
 dotato
 di
 biblioteca,
 mediateca,
 
aula
 studio,
 sala
 conferenze
 e
 ludoteca.
 
Le
  aree
  del
  Castello
  ancora
  da
  completare
  avranno
  destinazioni
  turistiche,
  ricettive
  e
  a
  carattere
 
enogastronomiche.
 Per
 definire
 tale
 progetto
 nella
 sua
 completezza,
 verrà
 indetto
 un
 concorso
 di
 idee,
 al
 
quale
 seguirà
 un
 bando
 sopra
 soglia
 comunitaria,
 per
 la
 realizzazione
 e
 l’affidamento
 della
 gestione.
 
 
 

 

3
 

 


F u n z i o n e   P u b b l i c a  

B i l a n c i o   e d   E c o n o m a t o  

Vogliamo
  ridurre
  la
  spesa
  pubblica,
  finalizzando
  i
  risparmi
  alla
  riduzione
  della
  pressione
  fiscale
  comunale;
 
anche
 il
 gettito
 derivante
 dalla
 lotta
 all'evasione
 fiscale
 deve
 essere
 destinato
 alla
 riduzione
 delle
 imposte.
 

La
  revisione
  della
  spesa
  deve
  costituire
  il
  primo
  passo
  di
  un
  ripensamento
  complessivo
  della
  spesa,
  a
 
partire
 dai
 costi
 della
 amministrazione
 comunale
 e
 dai
 sussidi
 a
 partecipate
 e
 altri
 enti
 territoriali.
 

Vogliamo
  esplorare
  tutte
  le
  strade
  al
  fine
  di
  contenere
  al
  minimo
  le
  spese,
  pur
  nel
  pieno
  rispetto
  della
 
legislazione
  che
  impone
  che
  l’acquisizione
  di
  forniture
  e
  servizi
  sia
  effettuato
  tramite
  convenzioni
  (MEPA,
 
CONSIP,
  ecc.),
  tramite
  ad
  esempio
  accordi
  con
  i
  comuni
  limitrofi
  finalizzati
  allo
  sfruttamento
  di
  ogni
 
possibile
 economia
 di
 scala.
 

Vogliamo
  rendere
  più
  semplice
  pagare
  quanto
  dovuto.
  Ogni
  famiglia
  potrà
  ottenere
  (sia
  online
  che
  di
 
persona)
 i
 modelli
 F-­‐24
 pre-­‐compilati
 in
 modo
 che
 sia
 facile
 sapere
 quanto
 deve
 pagare
 di
 IMU
 e
 TASI.
 

Imporremo
  totale
  trasparenza
  dei
  bilanci
  del
  Comune
  e
  delle
  società
  partecipate
  mediante
  pubblicazione
 
permanente
 sul
 sito
 Internet
 di
 tutte
 le
 spese
 e
 i
 ricavi
 effettuati;
 tale
 trasparenza
 sarà
 estesa
 alle
 spese
 di
 
rappresentanza
 di
 giunta
 e
 consiglio:
 pubblicazione
 online
 di
 tutti
 gli
 scontrini,
 fatture
 e
 pezze
 giustificative
 
di
 qualsiasi
 spesa
 sostenuta
 a
 carico
 del
 contribuente.
 
Effettueremo
 una
 revisione
 del
 regolamento
 e
 delle
 tariffe
 cimiteriali
 al
 fine
 di
 riduzione
 delle
 medesime.
 

P a t r i m o n i o  

Vogliamo
  riconsiderare
  il
  piano
  di
  dismissioni
  degli
  edifici
  non
  strategici
  facenti
  parte
  del
  patrimonio
 
comunale,
 per
 acquisire
 le
 risorse
 necessarie
 per
 progetti
 innovativi.
 
 
Vogliamo
 altresì
 dismettere
 le
 quote
 nelle
 imprese
 partecipate
 dall’amministrazione
 comunale.
 

Crediamo
  importante
  valorizzare
  il
  patrimonio
  mediante
  project
  financing
  o
  altri
  strumenti
  di
  finanza
 
partecipata,
 al
 fine
 di
 mantenere
 il
 patrimonio
 comunale
 in
 buono
 stato
 di
 conservazione.
 

Prenderemo
  un
  serio
  impegno
  a
  rispettare
  in
  tempi
  rapidi
  le
  direttive
  ministeriali
  che
  impongono
 
l’eliminazione
  delle
  locazioni
  passive,
  ottimizzando
  al
  contempo
  l’utilizzo
  degli
  immobili
  di
  proprietà
  del
 
Comune.
 

P e r s o n a l e  

Ridurremo
  le
  consulenze
  esterne,
  ma
  cercheremo
  di
  valorizzare
  delle
  professionalità
  dei
  dipendenti,
 
mediante
  piani
  annuali
  di
  formazione
  finalizzati
  a
  percorsi
  di
  crescita,
  con
  finalità
  di
  progressione
 
orizzontale
 e
 verticale.
 

S e r v i z i   d e m o g r a f i c i  

L’obiettivo
  è
  minimizzare
  la
  necessità,
  per
  i
  cittadini,
  di
  recarsi
  presso
  gli
  uffici
  comunali,
  raggiungendo
 
l’obiettivo
 tramite
 l’accesso
 telematico.
 

Apriremo
  presso
  le
  frazioni
  rivaltesi
  dei
  punti
  decentrati
  degli
  uffici
  comunali,
  ad
  orario
  ridotto,
  in
  modo
 
che
 alcune
 operazioni
 possano
 essere
 svolte
 senza
 la
 necessità
 di
 recarsi
 presso
 gli
 uffici
 centrali.
 

4
 

 


P o l i z i a   m u n i c i p a l e  

Riconsidereremo
 i
 compiti
 della
 Polizia
 Municipale,
 rifocalizzandoli
 sui
 compiti
 tradizionali
 di
 polizia
 urbana,
 
sollevando
 quindi
 il
 personale
 da
 tutti
 quelli
 che
 possano
 essere
 svolti
 da
 altri
 dipendenti
 comunali,
 al
 fine
 
di
 riorientare
 le
 priorità
 dei
 vigili
 urbani
 verso
 una
 maggior
 attenzione
 per
 la
 sicurezza
 dei
 cittadini.
 

Ci
  impegneremo
  all’aumento
  della
  dotazione
  organica
  della
  Polizia
  Municipale,
  e
  al
  ripristino
  della
 
gestione
 associata
 con
 i
 comuni
 limitrofi
 della
 polizia
 urbana.
 

M i g r a n t i   e   a c c o g l i e n z a  

Noi
  crediamo
  che
  non
  possa
  esserci
  accoglienza
  senza
  sicurezza;
  per
  questo
  motivo,
  pur
  nel
  massimo
 
rispetto
  dei
  principi
  di
  solidarietà,
  si
  richiederà,
  per
  gli
  eventuali
  nuovi
  insediamenti
  di
  strutture
  di
 
accoglienza,
 il
 rispetto
 dei
 vincoli
 dati
 dalla
 legislazione
 e
 dalla
 regolamentazione
 comunale.
 

Sarà
  pertanto
  introdotto
  il
  vincolo
  di
  parere
  del
  sindaco
  per
  ogni
  attività
  connessa
  all'ospitalità
  dei
 
migranti,
 così
 com'è
 vincolante
 quello
 della
 Giunta
 comunale,
 sempre
 sulla
 base
 dell’ordine
 pubblico
 e
 del
 
benessere
 collettivo.
 

In
  particolare,
  ai
  sensi
  degli
  art.
  50
  e
  54
  del
  T.U.E.L.
  e
  del
  D.Lgs.
  142/2015,
  si
  richiederà
  ai
  gestori
  delle
 
medesime
  il
  rispetto
  degli
  obblighi
  gestionali
  e
  di
  rendicontazione
  telematica
  quotidiana,
  e
  il
  pagamento
 
della
  tassa
  di
  soggiorno
  individuale
  per
  gli
  ospiti,
  allo
  scopo
  di
  affrontare
  i
  costi
  aggiuntivi
  a
  carico
  del
 
comune.
 

Infine,
 vi
 sarà
 un
 serio
 impegno
 nell'adozione
 di
 tutte
 le
 misure
 previste
 dal
 decreto
 del
 ministro
 Minniti,
 in
 
violazione
 del
 quale
 è
 previsto
 l’allontanamento.
 

P r o t e z i o n e   c i v i l e  

Cercheremo
  di
  ricollocare
  la
  sede
  della
  Protezione
  Civile
  in
  modo
  da
  massimizzare
  integrazione
  e
 
collaborazione
 con
 Polizia
 Municipale
 e
 Vigili
 del
 Fuoco.
 

Estenderemo
  ad
  H24
  l’orario
  dell’Alert
  System,
  permettendone
  l’utilizzo
  non
  solo
  alla
  Polizia
  Municipale
 
ma
 anche
 a
 Protezione
 Civile
 e
 ai
 Vigili
 del
 Fuoco.
 

La
  Protezione
  Civile
  avrà
  il
  suo
  spazio
  web
  istituzionale
  riservato,
  e
  con
  autonomia
  di
  gestione,
  sul
  sito
 
comunale.
 

Proporremo
  alla
  Protezione
  Civile
  di
  incrementare
  le
  loro
  esercitazioni,
  coinvolgendo
  periodicamente
  la
 
cittadinanza
 in
 piani
 di
 evacuazione
 e
 di
 gestione
 delle
 emergenze.
 

A g e n d a   D i g i t a l e  

Siamo
  convinti
  che
  ogni
  cittadino
  abbia
  il
  diritto
  di
  poter
  espletare
  per
  via
  telematica
  qualsiasi
  pratica
 
presso
 gli
 uffici
 comunali,
 evitandogli
 (fatta
 salva
 la
 normativa
 di
 legge)
 di
 recarsi
 personalmente
 presso
 gli
 
uffici.
  Questo
  obiettivo
  sarà
  realizzato
  tramite
  l’assegnazione
  a
  ciascun
  cittadino
  di
  un
  accesso
  sicuro
  ai
 
sistemi
  informativi
  comunali
  (denominato
  Accesso
  Unico);
  per
  coloro
  che
  non
  possiedono
  i
  necessari
 
dispositivi,
 verranno
 messe
 a
 disposizione
 postazioni
 pubbliche
 opportunamente
 distribuite
 sul
 territorio.
 

Tramite
  questo
  accesso
  unico
  il
  cittadino
  sarà
  anche
  messo
  in
  condizione
  di
  interfacciarsi
  con
 
l’amministrazione
  per
  richiedere
  informazioni
  ed
  esprimersi
  sulle
  consultazioni
  pubbliche
  organizzate
 
dall’amministrazione
 stessa.
 

Vorremmo
  lanciare
  un
  progetto,
  in
  collaborazione
  con
  i
  commercianti,
  che
  permetta
  la
  copertura
  wifi
 
gratis
 di
 consistenti
 parti
 del
 territorio
 rivaltese.
 

5
 

 


Riteniamo
  inoltre
  che
  il
  comune
  debba
  impegnarsi
  a
  fare
  tutte
  le
  pressioni
  e
  stringere
  accordi
  con
 
compagnie
  provider
  internet
  al
  fine
  di
  rendere
  disponibili
  a
  cittadini,
  enti
  e
  imprese
  locali
  connessioni
 
internet
 e/o
 wifi
 di
 prestazioni
 il
 più
 possibile
 elevate.
 

Infine,
  vogliamo
  iniziare
  un
  processo
  di
  revisione
  della
  situazione
  hardware
  e
  software
  di
  gestione
  del
 
Comune,
 finalizzata
 alla
 riduzione
 dei
 costi
 e
 al
 miglioramento
 delle
 prestazioni.
 

P a r t e c i p a z i o n e  

Vogliamo
  superare
  il
  fallimentare
  “bilancio
  partecipativo”
  dell’attuale
  amministrazione,
  stimolando
  la
 
creazione
 di
 veri
 e
 propri
 Comitati
 di
 Quartiere:
 Villaggio
 Aurora,
 Centro,
 Villaggio
 Sangone,
 Gerbole,
 Tetti
 
Francesi
 e
 Pasta.
 Questi
 saranno
 organismi
 ufficiali,
 istituzionalizzati
 con
 vere
 e
 proprie
 elezioni,
 attraverso
 i
 
quali
  tutti
  i
  cittadini
  potranno
  contare
  e
  assumersi
  la
  propria
  responsabilità
  civica,
  partecipando
 
direttamente
  alle
  decisioni
  politiche,
  influenzando
  e
  sottoscrivendo
  i
  progetti
  dell'Amministrazione
 
comunale.
 

In
  caso
  di
  decisioni
  politiche
  e
  amministrative
  di
  particolare
 rilevanza,
  Giunta
  e
  Consiglio
  si
  impegnano
  a
 
sottoporre
 a
 referendum
 attuato
 per
 via
 telematica,
 impegnandosi
 a
 rispettarne
 l’esito.
 Tramite
 l’Accesso
 
Unico
 il
 cittadino
 verrà
 chiamato
 a
 partecipare
 alle
 decisioni.
 

Vogliamo
  introdurre
  nel
  regolamento
  del
  consiglio
  comunale
  il
  "Question
  Time
  del
  cittadino":
  tramite
  di
 
esso
 qualsiasi
 cittadino,
 secondo
 un
 regolamento
 da
 definire,
 potrà
 presentare
 al
 sindaco
 o
 alla
 Giunta
 una
 
singola
  domanda
  su
  qualsiasi
  argomento
  di
  interesse
  pubblico;
  potrà
  leggerla
  durante
  il
  consiglio
  e
  avere
 
diritto
 di
 replica
 alla
 risposta
 dell’amministrazione.
 

C o m u n i c a z i o n e   e   T r a s p a r e n z a  

Garantiremo
 totale
 trasparenza
 dei
 bilanci
 del
 Comune
 e
 delle
 società
 partecipate
 mediante
 pubblicazione
 
permanente
 sul
 sito
 Internet
 del
 comune
 e
 delle
 società
 stesse
 di
 tutte
 le
 spese
 e
 i
 ricavi
 effettuati.
 

Garantiremo
  inoltre
  la
  totale
  trasparenza
  degli
  atti:
  tutti
  gli
  atti
  e
  documenti
  dell’amministrazione
 
comunale
  saranno
  interamente
  disponibili
  on-­‐line
  (salvo
  ove
  sia
  pregiudicata
  la
  privacy
  dei
  cittadini,
  nei
 
quali
  casi
  si
  oscureranno
  i
  soli
  riferimenti
  personali)
  tramite
  un
  portale
  che
  ne
  permetta
  una
  facile
 
ricercabilità.
  I
  singoli
  atti
  saranno
  individualmente
  e
  liberamente
  linkabili,
  e
  tutte
  le
  comunicazioni
  online
 
del
  comune
  conterranno
  i
  link
  agli
  atti
  ufficiali,
  affinché
  il
  cittadino
  possa
  consultarli
  direttamente
  senza
 
dover
 effettuare
 ricerche.
 
 

Tramite
 l’accesso
 unico,
 descritto
 al
 paragrafo
 “Agenda
 Digitale”,
 metteremo
 il
 cittadino
 nelle
 condizioni
 di
 
poter
  effettuare
  l’accesso
  civico
  ad
  atti
  e
  documenti
  dell’amministrazione
  comunale.
  L’amministrazione
  si
 
impegnerà
  inoltre
  ad
  inviare
  al
  cittadino
  che
  ne
  faccia
  richiesta,
  copia
  di
  qualunque
  documento
  non
 
disponibile
  on-­‐line
  (ad
  esempio
  per
  motivi
  tecnici
  oppure
  perché
  non
  digitalizzato)
  entro
  il
  termine
 
tassativo
 di
 30
 gg
 solari.
 

Imporremo
  effettiva
  trasparenza
  e
  pubblica
  verificabilità
  dei
  redditi,
  patrimoni
  e
  interessi
  economici
  di
 
tutti
 i
 funzionari,
 consulenti
 e
 collaboratori
 dell’amministrazione
 comunale
 e
 delle
 società
 partecipate,
 e
 di
 
tutte
 le
 cariche
 elettive.
 

Intendiamo
  rivedere
  il
  format
  di
  Rivalta
  Informa,
  rendendo
  disponibili
  due
  pagine
  del
  bollettino
  per
 
comunicazioni
  e
  brevi
  articoli:
  una
  per
  tutti
  i
  gruppi
  politici
  rivaltesi
  presenti
  in
  consiglio
  comunale,
  e
 
un’altra
  per
  le
  associazioni
  rivaltesi.
  Sarà
  garantito
  a
  tutti
  lo
  spazio
  per
  esprimere
  le
  proprie
  opinioni
  e
 
presentare
 le
 proprie
 iniziative.
 

6
 

 


T r a s p o r t i  

La
 nostra
 amministrazione
 rientrerà
 immediatamente
 nell’Osservatorio
 TAV,
 permettendole
 di
 informare
 i
 
cittadini
 rivaltesi,
 di
 contrattare
 le
 decisioni
 che
 possano
 avere
 un
 impatto
 sul
 territorio
 rivaltese,
 ed
 infine
 
ottenere
 tutte
 le
 compensazioni
 disponibili.
 
La
  nostra
  amministrazione
  offrirà
  la
  massima
  collaborazione
  a
  tutti
  i
  livelli
  istituzionali,
  per
  ottimizzare
 
anche
  dal
  punto
  di
  vista
  intermodale
  l’utilizzo
  della
  nuova
  stazione
  ferroviaria
  SFM5
  di
  San
  Luigi,
 
prevedendo
 navette
 e
 parcheggi
 di
 interscambio.
 
La
 nostra
 amministrazione
 affronterà
 la
 problematica
 della
 mobilità
 privata
 verso
 Torino,
 impegnandosi,
 in
 
tutti
 i
 luoghi
 istituzionali
 e
 in
 coordinamento
 con
 i
 comuni
 limitrofi,
 al
 perseguimento
 dei
 seguenti
 obiettivi:
 
• eliminazione
 del
 casello
 di
 Beinasco;
 
• costruzione
 di
 un
 sottopasso
 della
 rotonda
 dell’incrocio
 di
 strada
 S.Luigi
 con
 il
 raccordo
 Pasta-­‐Dojrone;
 
• allargamento,
 ove
 tecnicamente
 e
 finanziariamente
 possibile,
 delle
 strade
 provinciali
 di
 collegamento
 

tra
 Rivalta
 e
 i
 paesi
 vicini;
 
• miglioramento
 dell’illuminazione
 delle
 suddette
 strade.
 
Per
 quanto
 riguarda
 la
 borgata
 Dojrone,
 crediamo
 che
 occorra
 rendere
 a
 doppio
 senso
 di
 marcia
 la
 bretella
 
di
 bypass
 dell’abitato,
 in
 modo
 da
 poter
 riservare
 l’accesso
 alla
 borgata
 ai
 soli
 residenti.
 
Crediamo
  che
  sia
  possibile
  migliorare
  l’esperienza
  della
  linea
  2R,
  creando
  un
  sistema
  di
  navette
  che
 
colleghi
  capoluogo,
  frazioni
  e,
  come
  già
  accennato,
  anche
  la
  futura
  stazione
  ferroviaria
  SFM5
  San
  Luigi;
 
queste
  linee
  potranno
  essere
  finanziate
  anche
  con
  il
  contributo
  dei
  centri
  commerciali
  del
  territorio,
  in
 
cambio
 di
 fermate
 che
 servano
 i
 centri.
 

R a c c o l t a   R i f i u t i  

Con
 il
 passaggio
 alla
 raccolta
 porta
 a
 porta,
 i
 costi
 della
 raccolta
 rifiuti
 sono
 diventati
 particolarmente
 esosi,
 
senza
 peraltro
 corrispondere
 con
 un
 servizio
 soddisfacente
 per
 la
 cittadinanza.
 
Ci
 impegniamo
 ad
 un
 progetto
 di
 profonda
 revisione
 della
 modalità
 di
 raccolta,
 finalizzato
 alla
 riduzione
 dei
 
costi
 e
 conseguentemente
 alle
 tariffe
 per
 la
 cittadinanza.
 
Vogliamo
 migliorare
 in
 tutti
 i
 sensi
 il
 servizio
 ai
 cittadini
 fornito
 dall’Ecocentro.
 

7
 

 


A f f a r i   s o c i a l i  

S c u o l a  

Rivalta
 e
 la
 scuola
 sono
 un
 binomio
 che
 renderà
 la
 città
 da
 vivere
 non
 solo
 oggi,
 ma
 anche
 stabilmente
 nel
 
suo
 futuro.
 Il
 buon
 funzionamento
 del
 sistema
 scolastico
 rivaltese
 è
 il
 terreno
 di
 coltura
 da
 irrigare
 poiché
 in
 
grado
 di
 garantire
 a
 tutti
 un
 sano
 percorso
 di
 crescita
 ed
 educazione
 innanzitutto
 civica.
 

Si
  proseguirà
  nella
  realizzazione
  di
  interventi
  atti
  all’adeguamento
  alle
  normativa
  e
  alla
  manutenzione
 
necessaria
 delle
 strutture
 scolastiche,
 anche
 nell’ottica
 del
 contenimento
 dei
 consumi
 energetici.
 

Occorre
 poi
 fare
 in
 modo
 che
 asili
 nido
 e
 scuole
 abbiano
 orari
 adeguati
 ai
 ritmi
 moderni,
 e
 garantiscano
 ai
 
genitori
 lavoratori,
 specie
 alle
 mamme,
 il
 supporto
 necessario
 per
 permettere
 loro
 qualsiasi
 scelta
 in
 ambito
 
lavorativo,
 al
 fine
 di
 perseguire
 una
 vera
 parità
 uomo-­‐donna
 in
 ambito
 lavorativo.
 

A
  tale
  scopo,
  quindi,
  si
  cercherà
  di
  mantenere
  e
  incrementare
  i
  servizi
  a
  favore
  delle
  famiglie:
  pre-­‐
accoglienza
  e
  doposcuola,
  centri
  estivi,
  trasporto
  scolastico,
  coinvolgendo
  ove
  possibile
  i
  giovani
  del
 
territorio
 e
 usufruendo
 di
 fondi
 (quali
 ad
 es.
 quelli
 del
 progetto
 “Reciproca
 solidarietà
 e
 lavoro
 accessorio”
 
finanziato
 dalla
 Compagnia
 di
 San
 Paolo).
 

Ci
  poniamo
  l’obiettivo
  di
  un
  progressivo
  potenziamento
  del
  nido
  comunale,
  finalizzato
  all’aumento
  negli
 
anni
 della
 capienza
 del
 servizio
 fino
 a
 poter
 accogliere
 tutte
 le
 richieste.
 

Sarà
  certamente
  rafforzata
  la
  collaborazione
  tra
  il
  sistema
  scolastico
  locale
  e
  le
  associazioni
  cittadine,
  in
 
modo
  da
  arricchire
  l’offerta
  culturale
  e
  sportiva,
  sia
  dal
  punto
  di
  vista
  formativo
  che
  da
  quello
  del
  singolo
 
evento,
 e
 utilizzando
 sia
 le
 sedi
 comunali
 che
 quelle
 associative.
 

Gli
  edifici
  scolastici
  dovrano
  poter
  essere
  impiegati
  in
  orari
  extra-­‐curriculari
  come
  risorsa
  territoriale
 
diffusa,
 per
 attività
 di
 aggregazione,
 formazione
 e
 d’incontro.
 In
 tale
 direzione
 risulta
 necessario
 estendere
 
le
 competenze
 professionali
 dei
 docenti.
 

Sempre
  perseguendo
  l’obiettivo
  di
  collaborazione
  costante
  tra
  scuola
  e
  amministrazione
  comunale
 
crediamo
  opportuno
  l’inserimento
  dell’Assessore
  alle
  politiche
  scolastiche
  come
  membro
  del
  Consiglio
 
d’Istituto.
 

Vogliamo
  premiare
  gli
  studenti
  rivaltesi
  (scuola
  primaria
  e
  secondaria,
  università,
  premio
  di
  laurea)
  più
 
meritevoli,
 mettendo
 a
 bando
 dei
 premi
 di
 studio
 che
 coprano
 una
 parte
 delle
 spese
 sostenute
 lungo
 i
 loro
 
percorsi
 di
 studio.
 

Creeremo
 inoltre,
 nell’ambito
 dell’ufficio
 scuola,
 uno
 sportello
 in
 grado
 di
 fornire
 a
 studenti
 e
 famiglie
 tutte
 
le
 informazioni
 necessarie
 per
 accedere
 ai
 bandi
 disponibili
 per
 borse
 di
 studio
 e
 contributi
 scolastici,
 per
 
tutte
 le
 scuole
 di
 ordine
 e
 grado,
 con
 particolare
 riferimento
 alle
 Università.
 

P o l i t i c h e   s o c i a l i ,   s a l u t e ,   d i s a b i l i t à  

Perseguiremo
 un
 potenziamento
 del
 servizio
 dei
 medici
 di
 base,
 che
 risulta
 insufficiente
 alla
 maggior
 parte
 
degli
  assistiti,
  adeguandolo
  al
  numero
  degli
  abitanti
  e
  alle
  loro
  esigenze,
  con
  orari
  più
  accessibili
  e
  un
 
servizio
 quotidiano
 incrementato
 rispetto
 a
 quello
 attuale.
 

Pensiamo
  inoltre
  alla
  creazione
  di
  un
  poliambulatorio
  per
  le
  esigenze
  primarie
  dove,
  oltre
  al
  medico
  di
 
base,
  si
  potranno
  inserire
  professionisti
  medici
  in
  convenzione
  con
  il
  Servizio
  Sanitario
  Nazionale,
  per
 
offrire
 un
 elevato
 numero
 di
 servizi
 sanitari
 per
 i
 cittadini.
 

Verrà
  costituito
  un
  gruppo
  di
  lavoro,
  coinvolgendo
  le
  associazioni
  locali
  che
  si
  occupano
  di
  disabilità,
  per
 
intervenire
 sulle
 problematiche
 dei
 cittadini
 disabili,
 tra
 cui:
 

8
 

 


• il
  monitoraggio
  della
  presenza
  di
  barriere
  architettoniche
  sul
  territorio,
  allo
  scopo
  di
  lavorare
  con
 
l’assessorato
 ai
 lavori
 pubblici
 e
 con
 i
 privati
 per
 il
 loro
 abbattimento;
 

• la
 revisione
 della
 collocazione
 dei
 posteggi
 disabili
 in
 modo
 che
 ne
 esistano
 in
 tutti
 i
 luoghi
 di
 interesse
 
civico.
 

C a s a    

Vogliamo
  istituire
  agevolazioni
  per
  i
  proprietari
  di
  alloggi
  disponibili
  ad
  affittare
  tramite
  convenzioni,
 
rafforzando
 il
 contributo
 complessivo
 disponibile
 per
 il
 sostegno
 all’affitto.
 

Vogliamo
  sviluppare
  il
  co-­‐housing
  tramite
  la
  ricerca
  di
  investimenti
  privati
  interessati
  a
  progetti
  di
 
costruzione
 e
 gestione
 del
 patrimonio
 comunale.
 

L a v o r o  

E’
 prevista
 la
 creazione
 di
 un
 Centro
 di
 Formazione
 che
 possa
 erogare
 corsi
 finalizzati
 all’arricchimento
 del
 
curriculum
  formativo
  dei
  disoccupati,
  in
  particolare
  giovani.
  Tale
  centro
  potrà
  essere
  creato
  in
 
collaborazione
  con
  i
  comuni
  limitrofi,
  e
  dovrà
  essere
  finanziato
  da
  fondi
  europei,
  regionali
  e
  sponsor
 
istituzionali
 e
 privati,
 in
 modo
 di
 pesare
 il
 meno
 possibile
 sulle
 finanze
 comunali.
 

Al
 Centro
 di
 Formazione
 dovranno
 affiancarsi
 laboratori
 professionali
 e
 altre
 iniziative
 in
 grado
 d’offrire
 agli
 
allievi
  l’opportunità
  di
  avviare
  un
  percorso
  di
  sperimentazione
  concreta
  di
  apprendistato
  delle
  arti
  e
  dei
 
mestieri,
 che
 favoriscano
 la
 professionalizzazione
 dei
 giovani
 o
 la
 riqualificazione
 dei
 lavoratori
 in
 difficoltà.
 

Saranno
 promosse
 iniziative
 mirate
 allo
 sviluppo
 attraverso
 il
 microcredito,
 i
 fondi
 di
 garanzia
 rotativi
 ed
 il
 
co-­‐working,
 individuando
 spazi
 da
 porre
 in
 condivisione
 come
 incubatori
 d’idee
 e
 per
 l’imprenditoria
 start-­‐
up.
 

Verrà
  incrementata
  la
  dotazione
  finanziaria
  impiegata
  per
  le
  politiche
  attive
  del
  lavoro
  nel
  bilancio
 
comunale
 e
 parallelamente
 saranno
 stimolati
 gli
 investimenti
 che
 andranno
 nella
 medesima
 direzione.
 

Favoriremo
  la
  presentazione
  di
  progetti
  da
  candidare
  sui
  bandi
  pubblici
  di
  finanziamento
  per
  attrarre
 
ulteriori
 risorse.
 

G i o v a n i  

Occorre
 dar
 modo
 ai
 giovani
 di
 trovare
 in
 Rivalta
 tutto
 ciò
 di
 cui
 hanno
 bisogno,
 dall’educazione
 al
 lavoro,
 
dallo
 sport
 allo
 svago,
 dalla
 cultura
 agli
 spazi
 e
 le
 occasioni
 di
 aggregazione.
 

I
  giovani
  saranno
  quindi
  i
  primi
  destinatari
  di
  tutte
  le
  politiche
  attive
  per
  il
  lavoro
  descritte
  al
  capitolo
 
precedente,
  in
  particolare
  di
  tutte
  le
  iniziative
  di
  formazione,
  avviamento
  al
  lavoro
  e
  di
  imprenditoria
 
giovanile.
 

A
  questo
  fine,
  sarà
  necessario
  potenziare
  l’InformaGiovani
  comunale,
  per
  farlo
  diventare
  il
  luogo
  di
 
informazione
  diretta,
  costante
  e
  puntuale,
  offrendo
  a
  tutti
  i
  giovani
  opportunità
  di
  conoscenza
  del
 
territorio,
 di
 partecipazione
 a
 bandi
 di
 ogni
 tipo
 e
 di
 organizzazione
 efficace
 del
 loro
 tempo.
 Organizzeremo
 
incontri
  di
  orientamento
  su
  tematiche
  relative
  a
  scuola,
  università
  e
  lavoro,
  e
  mobilità
  verso
  l’estero,
  in
 
collaborazione
 con
 le
 istituzioni
 regionali,
 enti
 privati
 e
 associazioni.
 

Vorremo
  realizzare
  con
  i
  giovani
  eventi
  (rassegne,
  concerti,
  gare
  sportive,
  ecc…)
  di
  rilievo
  che
  li
  vedranno
 
coinvolti
  attivamente
  e
  daranno
  visibilità
  al
  territorio.
  Verrà
  inoltre
  sostenuta
  ed
  incentivata
  l’esperienza
 
del
 Consiglio
 Comunale
 dei
 Ragazzi.
 

Per
  i
  giovani
  in
  età
  scolare
  in
  fascia
  6-­‐14,
  promuoveremo
  soggiorni
  di
  tipo
  colonia,
  trovando
  risorse
 
pubbliche
 e
 private
 e
 progettandone
 la
 realizzazione.
 

9
 

 


A n z i a n i  

Ci
 impegneremo
 ad
 incrementare
 i
 servizi
 a
 favore
 degli
 anziani,
 quali
 il
 trasporto
 a
 chiamata
 per
 necessità
 
personali,
  l’assistenza
  domiciliare,
  la
  cura
  e
  l’igiene
  della
  persona,
  i
  servizi
  sanitari
  e
  la
  consegna
  dei
 
farmaci
 a
 domicilio.
 
Occorre
  poi
  favorire
  tutte
  le
  proposte
  di
  svago
  per
  gli
  anziani,
  centri,
  corsi
  di
  ginnastica
  e
  altro,
  viaggi
  e
 
soggiorni
 vacanze/climatici.
 
Vogliamo
 prevedere
 incentivi
 volti
 a
 favorire
 i
 progetti
 intergenerazionali,
 come
 ad
 esempio
 programmi
 di
 
tutoraggio,
 le
 consulenze
 e
 altre
 attività
 di
 volontariato
 nelle
 scuole
 e
 in
 altri
 istituti
 da
 parte
 di
 anziani,
 e
 le
 
forme
 di
 coabitazione
 intergenerazionale.
 

A s s o c i a z i o n i  

Per
 gestire
 al
 meglio
 la
 grande
 ricchezza
 data
 dalle
 molte
 associazioni
 rivaltesi,
 crediamo
 che
 sia
 essenziale
 
dotarsi
  dello
  strumento
  del
  “Tavolo
  dell’Associazionismo
  e
  del
  Volontariato”,
  con
  funzioni
  di
 
coordinamento,
 co-­‐progettazione
 ,
 e
 promozione
 delle
 attività
 per
 evitare
 la
 sovrapposizione
 degli
 eventi
 e
 
rendere
 massima
 l’efficacia
 del
 lavoro
 delle
 associazioni
 stesse.
 
Vogliamo
  riprogettare
  e
  riconsiderare
  le
  concessioni
  di
  spazi
  comunali,
  in
  modo
  da
  mettere
  in
  grado
  le
 
associazioni
 non
 solo
 di
 avere
 una
 sede,
 ma
 di
 poter
 anche
 effettuare
 attività
 ed
 eventi
 con
 più
 facilità.
 
Vogliamo
  inoltre
  favorire
  la
  fusione
  fra
  associazioni
  simili,
  ed
  i
  progetti
  frutto
  di
  vera
  ed
  effettiva
 
collaborazione
 fra
 due
 o
 più
 associazioni.
 
Ci
  preme
  la
  valorizzazione
  dell’associazionismo
  locale,
  dando
  la
  precedenza,
  pur
  nei
  limiti
  normativi,
  alle
 
associazioni
 e
 cooperative
 locali
 storiche,
 rispetto
 a
 quelle
 esterne
 al
 territorio.
 
Riteniamo
  che
  ogni
  associazione
  iscritta
  all’albo
  comunale
  possa
  avere
  un
  suo
  spazio
  sul
  sito
  internet
  del
 
comune,
 gestibile
 autonomamente.
 
Tramite
  le
  associazioni,
  vogliamo
  incentivare
  manifestazioni
  dedicate
  alle
  tradizioni
  locali
  (es.
  antichi
 
mestieri,
 antichi
 prodotti,
 ecc.)
 

10
 

 


E d i l i z i a   e   L a v o r i   p u b b l i c i  

U r b a n i s t i c a   e d   E d i l i z i a   p r i v a t a  

Vogliamo
  promuovere
  politiche
  e
  progetti
  di
  investimento
  pubblico
  e
  privato
  per
  la
  rigenerazione
  del
 
patrimonio
 edilizio
 cittadino
 finalizzato
 al
 risparmio,
 all’efficienza
 energetica,
 e
 al
 miglioramento
 del
 decoro
 
urbano.
  In
  quest’ottica,
  proporremo
  bonus
  e
  incentivi
  fiscali
  importanti
  per
  tutti
  i
  privati
  che
  compiano
 
interventi
 volti
 alla
 ristrutturazione
 e
 al
 miglioramento
 dei
 loro
 fabbricati.
 

Ulteriori
 incentivi
 saranno
 proposti
 per
 il
 recupero
 dei
 fabbricati
 agricoli
 abbandonati,
 sia
 a
 fini
 di
 sviluppo
 
agricolo,
 che
 a
 fini
 residenziali.
 

L a v o r i   p u b b l i c i   e   M a n u t e n z i o n i  

Vogliamo
  istituire
  l’Albo
  Fornitori
  riservato
  ai
  fornitori
  rivaltesi,
  al
  fine
  di
  incentivare
  l’affidamento
  dei
 
lavori
 di
 costruzione
 e/o
 manutenzione
 a
 imprese
 locali,
 pur
 nel
 completo
 rispetto
 delle
 normative.
 

Crediamo
  che
  la
  migliore
  soluzione
  per
  ovviare
  al
  sottoutilizzo
  di
  piazza
  Gerbidi
  sia
  la
  costruzione
  di
  una
 
copertura
 che
 permetta
 l’utilizzo
 di
 quello
 spazio
 nelle
 occasioni
 più
 diverse.
 A
 tale
 copertura
 sarà
 associata
 
la
  costruzione
  di
  una
  sala
  polivalente
  da
  mettere
  a
  disposizione
  delle
  associazioni
  rivaltesi.
  La
  migliore
 
soluzione
  sarà
  però
  individuata
  tramite
  la
  presentazione
  ai
  cittadini
  di
  diversi
  progetti
  su
  cui
  essi
  si
 
pronunceranno
 democraticamente.
 

Occorrerà
 quindi
 risolvere
 in
 modo
 strutturale
 e
 definitivo
 i
 problemi
 funzionali
 che
 affliggono
 l’auditorium
 
di
 v.le
 Cadore.
 

Per
 quanto
 riguarda
 la
 borgata
 Dojrone,
 crediamo
 sia
 inderogabile
 affrontare
 il
 problema
 del
 collegamento
 
della
 locale
 fognatura
 alla
 sistema
 fognario
 di
 SITO.
 

Vogliamo
 ripristinare
 l’impianto
 di
 irrigazione
 del
 parco
 del
 castello.
 

Vogliamo
 istituire
 un
 piano
 di
 manutenzione,
 da
 rielaborare
 annualmente,
 della
 manutenzione
 di
 strade
 e
 
marciapiedi,
  definito
  su
  tre
  livelli
  di
  intervento:
  primo
  livello
  affidato
  al
  servizio
  dei
  cantonieri
  comunali,
 
secondo
  livello
  per
  manutenzioni
  localizzate
  con
  importo
  di
  spesa
  al
  di
  sotto
  dei
  €40.000,
  terzo
  livello
 
appalti
 per
 importo
 al
 di
 sopra
 dei
 €40.000
 per
 il
 ripristino
 ad
 ampio
 raggio
 del
 manto.
 

Per
  quanto
  riguarda
  quelle
  rotonde
  la
  cui
  manutenzione
  è
  assegnata
  ai
  privati
  in
  cambio
  di
  diritti
 
pubblicitari,
  crediamo
  sia
  necessario
  definire
  un
  capitolato
  di
  manutenzione
  con
  adeguata
  verifica
  del
 
rispetto
 del
 medesimo.
 

V i a b i l i t à   i n t e r n a  

Vogliamo
 indire
 un
 bando
 per
 la
 presa
 in
 carico
 da
 parte
 del
 Comune
 di
 tutte
 le
 vie
 private
 ad
 uso
 pubblico
 
i
 cui
 proprietari
 desiderino
 passarne
 la
 gestione
 al
 Comune.
 

Vorremmo
  iniziare
  un
  processo
  di
  progressiva
  sostituzione,
  dove
  fisicamente
  possibile,
  degli
  impianti
 
semaforici
 con
 rotonde,
 unitamente
 alla
 revisione
 del
 posizionamento
 e
 della
 effettiva
 utilità
 dei
 sistemi
 di
 
controllo
 del
 rispetto
 del
 c.d.s.,
 quali
 VistaRed
 o
 autovelox
 in
 genere.
 

Riteniamo
 che
 l’utilizzo
 dei
 dossi
 al
 fine
 di
 moderazione
 della
 velocità
 sia
 stato
 esagerato,
 e
 proponiamo
 lo
 
studio
  di
  soluzioni
  alternative,
  quali
  dossi
  mobili
  (che
  si
  attivano
  in
  funzione
  della
  velocità
  del
  veicolo
  che
 
sopraggiunge),
  impianti
  fissi
  di
  controllo
  della
  velocità,
  oppure,
  dove
  urbanisticamente
  possibile,
  revisione
 
dell’arredo
 urbano
 in
 modo
 da
 ottenere
 un
 rallentamento
 naturale
 della
 circolazione
 (concetto
 di
 woonerf).
 

Quando
  la
  situazione
  dei
  parcheggi
  limitrofi
  lo
  permetterà,
  proponiamo
  la
  rimozione
  del
  parcheggio
  da
 
Piazza
 della
 Pace,
 mantenendo
 però
 la
 corsia
 di
 passaggio
 delle
 auto.
 L’area
 verrà
 concessa
 come
 dehors
 ai
 
locali
  prospicienti
  che
  saranno
  invitati
  a
  installare
  strutture
  possibilmente
  coperte.
  La
  concessione
  sarà
 

11
 

 


gratuita
  se
  tali
  locali,
  individualmente
  o
  in
  consorzio
  fra
  loro,
  organizzeranno
  un
  adeguato
  programma
  di
 
eventi.
 

E d i l i z i a   s c o l a s t i c a  

Come
  già
  detto
  nel
  capitolo
  rguardante
  la
  scuola,
  proseguiremo
  nella
  realizzazione
  di
  interventi
  atti
 
all’adeguamento
  alle
  normativa
  e
  alla
  manutenzione
  necessaria
  delle
  strutture
  scolastiche,
  anche
 
nell’ottica
 del
 contenimento
 dei
 consumi
 energetici.
 
 

12
 

 


A t t i v i t à   E c o n o m i c h e  

S e r v i z i   –   S m a r t   C i t y  

Crediamo
 che
 il
 Comune
 debba
 favorire
 tutte
 le
 iniziative
 volte
 a
 stimolare
 l’efficienza
 e
 la
 concorrenza
 nei
 
servizi
 esercitati
 dai
 privati:
 servizi
 bancari,
 assicurativi,
 postali,
 sanitari,
 ecc.
 

In
  particolare,
  il
  comune
  eserciterà
  tutte
  le
  pressioni
  e
  le
  mediazioni
  possibili,
  a
  tutti
  i
  livelli,
  nei
  confronti
 
dei
  fornitori
  di
  servizi,
  in
  modo
  da
  perseguirne
  il
  miglioramento.
  Si
  curerà
  in
  modo
  particolare
  la
 
disponibilità
  delle
  agenzie
  (poste,
  banche,
  assicurazioni,
  ecc.),
  della
  consegna
  della
  corrispondenza,
  della
 
disponibilità
 di
 provider
 internet
 e
 wifi,
 di
 studi
 medici
 anche
 di
 base,
 ambulatori,
 ecc.
 

I n d u s t r i a   e   A r t i g i a n a t o  

Rivalta
 dovrà
 essere
 un
 punto
 di
 attrazione
 della
 piccola
 e
 media
 impresa
 piemontese:
 lo
 consentiranno
 le
 
infrastrutture
 già
 presenti
 sul
 nostro
 territorio,
 e
 quelle
 che
 verranno
 costruite
 nel
 prossimo
 futuro.
 

Crediamo
 che
 sia
 necessaria
 una
 decisa
 riduzione
 delle
 tasse
 comunali
 e
 delle
 tariffe
 riservate
 alle
 attività
 
economiche
  presenti
  nel
  territorio
  rivaltese,
  con
  particolare
  attenzione
  nei
  confronti
  di
  quelle
  di
  nuovo
 
insediamento,
  in
  modo
  da
  rendere
  il
  più
  possibile
  appetibile
  il
  nostro
  territorio
  per
  nuove
  attività
  o
 
rilocazioni
 di
 attività
 esistenti.
 

A g r i c o l t u r a  

Crediamo
 che
 occorra
 rilanciare
 la
 vocazione
 agricola
 del
 paese,
 incentivando
 la
 creazione
 e
 lo
 sviluppo
 di
 
tutte
 quelle
 organizzazioni
 che
 per
 loro
 natura
 possano
 promuovere
 le
 colture
 di
 qualità
 e
 di
 tipo
 bio,
 come
 
gruppi,
 consorzi,
 associazioni
 di
 tutela,
 eccetera.
 

Questo
  obiettivo
  deve
  passare
  anche
  tramite
  il
  recupero
  degli
  appezzamenti
  di
  terreno
  abbandonati,
 
incentivando
  i
  giovani
  e/o
  disoccupati
  al
  ritorno
  all’agricoltura,
  tramite
  affitto
  agevolato
  e/o
  in
  comodato
 
d’uso.
 

Vogliamo
  inoltre
  promuovere
  attività
  di
  formazione
  agricola
  in
  modo
  da
  proporre
  l’agricoltura
  come
 
opportunità
 di
 occupazione.
 

Occorrerà
  inoltre
  riservare
  una
  particolare
  attenzione
  agli
  agricoltori
  locali
  sia
  nell’organizzazione
  dei
 
mercati
 locali,
 che
 negli
 eventi
 periodici.
 

Incentiveremo
  infine
  il
  ritorno
  all’irrigazione
  naturale,
  mediante
  ripristino
  delle
  derivazioni
  di
  irrigazione
 
dal
 fiume
 Sangone.
 

C o m m e r c i o  

Crediamo
  che
  sia
  fondamentale
  istituire
  un
  “Tavolo
  del
  commercio”,
  luogo
  di
  confronto
  permanente
  tra
 
amministrazione
 e
 commercianti,
 che
 permetta
 di
 definire
 strategie
 comuni
 e
 coordinamento.
 

Tramite
  questo
  tavolo,
  incentiveremo
  l’organizzazione
  di
  eventi
  in
  collaborazione
  tra
  amministrazione
 
comunale,
  commercianti
  e
  associazioni,
  che
  valorizzino
  e
  promuovano
  prodotti
  e
  specificità
  locali,
  quali
 
manifestazioni,
  fiere,
  mercati
  dei
  produttori,
  sagre.
  Vogliamo
  istituire
  inoltre
  un
  calendario
  di
  mercati
 
specifici
 quali
 antiquariato,
 modernariato,
 ecc.
 

Vogliamo
  promuovere
  progetti
  sperimentali/pilota
  avvalendosi
  di
  bandi
  e
  finanziamenti
  regionali
  ed
 
europei,
 che
 possano
 costituire
 bonus
 ed
 incentivi
 per
 i
 negozi
 di
 vicinato.
 

Inderogabile
 è
 la
 semplificazione
 degli
 adempimenti
 burocratici
 e
 contenimento
 dei
 tributi
 locali,
 a
 partire
 
dalle
 tariffe
 di
 raccolta
 rifiuti.
 

13
 

 


C u l t u r a   e   T u r i s m o  

Rivalta
  possiede
  un
  patrimonio
  storico
  ed
  artistico
  di
  tutto
  rilievo,
  che
  attende
  solo
  di
  essere
  valorizzato,
 
come
  il
  Monastero
  e
  il
  suo
  parco,
  il
  Castello
  degli
  Orsini,
  il
  Ricetto,
  la
  chiesa
  dei
  SS.
  Vittore
  e
  Corona
  e
 
quella
 di
 S.
 Croce,
 e
 anche
 il
 Rifoglietto.
 Per
 questi
 edifici
 occorre
 trovare
 destinazioni
 e
 modalità
 d’uso
 che
 
uniscano
  al
  più
  appropriato
  utilizzo
  socio-­‐culturale-­‐commerciale,
  una
  gestione
  economicamente
 
sostenibile.
  Per
  questo
  occorrerà
  passare
  da
  una
  fase
  progettuale
  che
  sarà
  effettuata
  tramite
  bando
  di
 
concorso
 di
 idee.
 
Proponiamo
 un
 investimento
 strategico
 per
 lo
 sviluppo
 sociale,
 economico
 e
 turistico
 di
 Rivalta,
 attraverso
 
un
 sistema
 che
 coinvolga
 istituzioni
 pubbliche,
 enti
 privati,
 cittadini
 e
 associazioni,
 che
 si
 riuniranno
 in
 un
 
“Tavolo
 della
 Cultura
 e
 del
 Turismo”
 attorno
 al
 quale
 far
 confluire
 e
 mettere
 in
 relazione
 tutte
 le
 richieste
 
dei
 rivaltesi.
 
Questa
  collaborazione
  porterà
  all’organizzazione
  dell’iniziativa
  “100
  Eventi
  per
  Rivalta”:
  un
  percorso
 
turistico-­‐culturale
  fatto
  di
  100
  eventi
  di
  varia
  natura
  (mostre,
  rassegne
  culturali,
  eventi
  musicali,
  teatrali,
 
sportivi)
  che
  coinvolga
  rivaltesi
  e
  visitatori
  attraverso
  iniziative
  mirate
  all'aggregazione,
  utilizzando
  sia
  i
 
luoghi
 storici
 citati,
 che
 tutti
 gli
 altri
 spazi
 della
 città,
 frazioni
 incluse,
 per
 trasformare
 in
 attraente
 e
 fruibile
 
turisticamente
 il
 nostro
 territorio.
 
Importante
 spazio
 in
 questo
 programma
 culturale
 sarà
 dato
 alla
 tutela
 delle
 tradizioni
 locali,
 a
 partire
 dalla
 
lingua
  piemontese,
  alla
  storia
  di
  Rivalta,
  dei
  suoi
  luoghi
  storici
  e
  dei
  suoi
  personaggi,
  per
  finire
  con
  i
 
prodotti
 enogastronomici
 locali.
 
Nel
  corso
  dell’anno
  tutti
  i
  siti
  storici
  saranno
  sempre
  visitabili
  in
  modo
  tale
  da
  regalare
  ai
  visitatori
 
occasionali
 o
 agli
 studiosi
 di
 storia
 dell’arte
 l’opportunità
 di
 apprezzare
 il
 quadro
 d’insieme
 di
 tutto
 ciò
 che
 
Rivalta
 è
 in
 grado
 di
 offrire.
 
 
Vogliamo
  rilanciare
  l’iniziativa
  dei
  “Punti
  Verdi”
  estivi,
  collocati
  al
  Parco
  del
  Monastero,
  P.za
  Filippa
  e
  Via
 
Toti,
 dove
 agli
 spettacoli
 (teatrali,
 musicali
 e
 cinematografici)
 si
 affiancheranno
 iniziative
 di
 street
 food.
 
Vogliamo
 riprogettare
 il
 bando
 per
 l’auditorium,
 separando
 la
 gestione
 da
 tutti
 gli
 altri
 aspetti.
 

A m b i e n t e   e d   E n e r g i a  

Vogliamo
  istituire
  il
  monitoraggio
  della
  qualità
  dell’aria
  mediante
  l’installazione
  nel
  territorio
  comunale
  di
 
proprie
  centraline
  di
  controllo
  e
  pubblicazione
  sul
  sito
  web
  del
  comune
  in
  tempo
  reale
  delle
  misurazioni
 
effettuate.
 
Sarà
 una
 priorità
 la
 lotta
 contro
 le
 zanzare,
 perché
 riteniamo
 un
 valore
 di
 benessere
 pubblico
 permettere
 ai
 
cittadini
  di
  riappropriarsi
  degli
  spazi
  verdi
  pubblici
  e
  privati.
  Essa
  sarà
  fatta
  di
  concerto
  con
  IPLA
  e
  Regione
 
Piemonte,
  e
  con
  i
  comuni
  limitrofi,
  e
  basata
  su
  metodologie
  ecosostenibili.
  Sarà
  a
  cura
  del
  comune
  negli
 
spazi
 pubblici,
 e
 a
 cura
 dei
 privati
 negli
 spazi
 privati,
 incentivata
 con
 detrazioni
 fiscali.
 
Proporremo
  incentivi
  all’ammodernamento
  degli
  impianti
  energetici
  per
  migliorare
  l’efficienza,
  da
 
finanziare
 tramite
 fondi
 regionali,
 statali
 ed
 europei.
 

14
 

 


Click to View FlipBook Version
Previous Book
34 DOMINICK STREET HOUSE, - City of New York
Next Book
http://www.wecareskincare.com/chantel-st-claire/